Categoria: Senza categoria

LIONS ALESSANDRIA HOST: UNA SERATA TRA LE VETTE

Una serata speciale. Così si può definire la serata organizzata dal Lions Club Alessandria Host in cui ha ospitato il giornalista scrittore Giuseppe Guin. Tema, la presentazione dell’ultimo libro dedicato alle imprese di Guido Monzino. In veste di Cerimoniere riporto le sensazioni di chi ha preso parte a questo significativo evento.

________________________________

 

(Con l’amico scrittore Giuseppe Guin)

 

Cosa può rendere interessante e speciale una serata di centro settimana in cui una settantina di persone si ritrovano sotto il segno dei Lions? Un’opportunità unica. Quella di poter conoscere ed ascoltare un personaggio di grande cultura ed esperienza come Giuseppe Guin, giornalista e scrittore. Ecco il segreto di una serata che ha coinvolto tutti i presenti, accompagnandoli in un viaggio che, partendo da…”quel ramo del lago di Como“, li ha guidati sulle vette del Cervino, in cima all’Everest passando dal Polo Nord. Intrigante vero!

In veste di cerimoniere del Club ho avuto l’onore di poter ospitare Giuseppe Guin accompagnato da Giuliano Galli, General Manager del FAI e responsabile operativo di Villa del Balbianello, residenza iconica donata al FAI da Guido Monzino. Tante le storie raccontate durante i due interventi. Storie che hanno suscitato coinvolgimento e tante domande al termine degli interventi.

(Il libro di Giuseppe Guin dedicato a Guido Monzino)

Giuseppe Guin è giornalista e affermato scrittore. Dal primo libro risalente al 2005, “Meglio arrivare secondi“, la produzione di Guin si è arricchita di libri ormai simbolo, come “I jeans sotto la tonaca” (2017) in cui racconta le esperienze del periodo di studi ecclesiastici o “Le luci della filanda” risalente al 2021. Con oltre dieci libri pubblicati, Giuseppe Guin ha percepito tutto il fascino della personalità e dell’ avventurosa storia di Guido Monzino, erede della indimenticabile “Standa”, rimasta nel cuore di ogni famiglia italiana.

Dalle prime uscite in barca con il padre, Guin descrive, con testimonianze rilevate sul campo, un giovane Monzino determinato a raggiungere gli obiettivi che la sua forte personalità era in grado di porgli. E’ così che, un ventiquattrenne amante della motonautica e delle Ferrari, da lì in poi guiderà sempre Ferrari rigorosamente nere, si presenta da Enzo Ferrari chiedendogli un motore per il suo motoscafo da corsa….per diventare il più veloce e quindi vincere più competizioni. Cosa che avvenne. Allo stesso modo, in un ritrovo storico di Cervinia, in presenza di Achille Compagnoni e alcune guide del posto, lanciò il progetto di voler scalare il Cervino senza dar peso più di tanto ai più che gli dicevano essere una follia. E così riuscì a fare.

L’intervento di Giuseppe Guin si è focalizzato sulla tecnica utilizzata per scrivere il libro. Anzitutto l’intervista. Di persone che lo hanno conosciuto e che, con lui, hanno fatto un pezzo di strada. Agenda e penna in mano, seduti uno di fronte all’altro, in ore e ore di interviste Guin ha consumato agenda dopo agenda andando a comporre un mosaico che gli ha consentito di avere un archivio completo al punto tale di consentirgli di scrivere il libro. Non solo progetti e spedizioni, ma anche la descrizione della forte personalità di Monzino sono emersi dai racconti che ogni intervistato ha saputo raccontare senza filtri.

(Un momento dell’intervento di Giuseppe Guin )

L’intervento di Giuseppe Guin è stato introdotto e seguito da quello di Giuliano Galli che Monzino lo ha conosciuto in età giovanile. Tanti i ricordi che sono stati condivisi con una platea di soci Lions e ospiti estremamente attenti. Galli ha così potuto tracciare i tratti fondamentali del carattere di Monzino, leader nato a volte estremamente duro e intransigente. Amante delle Ferrari rigorosamente nere, che poteva permettersi in ragione degli ingenti capitali che aveva ereditato incassando la vendita della Standa, Monzino sapeva adattarsi ai più differenti contesti. In veste di alpinista scalatore, lo si poteva trovare seduto con le guide alpine in un bar di montagna in un tipico contesto locale, con bevande altrettanto tipiche e fraseggio adeguato al contesto. La metamorfosi avveniva quando diveniva il Conte Guido Monzino, vestito con eleganti abiti e una classe che lo definiva come tale non solo per il titolo. Proprio nella veste del Conte alpinista venne ricevuto in vaticano da Sua Santità Papa PaoloVI per onorare le sue epiche imprese. Poliedrico, senz’altro sì.

(Giuliano Galli: General Manager FAI e responsabile della gestione di Villa del Balbianello)

 

Terminate le relazioni abbiamo dato spazio alle tante domande che si erano manifestate già durante l’intervento. In veste di cerimoniere ho voluto fare da apripista. Sin dalle prime battute un pensiero si era fatto strada. Uno di quelli che non può mancare ad un comunicatore di professione. Due le domande che mi sono sentito di fare:

  1. Esiste per uno scrittore come Giuseppe Guin una condizione, un luogo, un momento nelle 24 ore predisponente per scrivere?
  2. E ancora, questa condizione favorevole è disponibile ogni giorno con la stessa intensità o vi sono giorni o momenti in cui l’ispirazione è più forte ?

La risposta di Giuseppe Guin deve essere anticipata da una premessa. Premessa che si materializza in una location che si trova sulle rive del lago di Como, un paradiso in terra richiesto da turisti e produzioni cinematografiche per realizzare fiction. Questa location è di proprietà di Giuseppe Guin che, con grande gusto e passione, l’ha ristrutturata rendendola una dimora in grado di suscitare emozioni forti. E, allora, dove ci può essere un posto più adatto per scrivere contemplando una natura unica per bellezza e profondità?

Con grande attenzione dei numerosi presenti, Guin ha rivelato i suoi segreti di scrittore. Anzitutto “il Rudere“, posto unico nel saper suscitare emozioni e pensieri che vengano poi tradotti in pagine del libro in fase di scrittura. Ma c’è di più. Esiste una compagna della quale Guin non saprebbe fare a meno, la notte. Solo la notte e le luci del lago sanno donare quell’atomosfera che, unita a musiche particolarmente coinvolgenti, creano un mix di sensazioni in grado di lasciare le briglie alla capacità creativa dei Giuseppe Guin. Bello vero! Già lo possiamo immaginare seduto alla scrivania con quell’ampia vetrata davanti a lui e, come sfondo, le luci che illuminano la costa del Lago di Como. Il fruscio degli alberi e, a volte, un “silenzio assordante” come quello che si può avere in un contesto così appartato. Così nasce la creatività.

(“Il Rudere” di Giuseppe Guin, altrimenti definito “The writer’s nest”) 

 

E’ con questa immagine del “nido” di Giuseppe Guin che vogliamo concludere il racconto di una serata speciale. Dove racconti, storie di avventure ai confini del mondo e capacità creative si sono fuse per far vivere a tutti i presenti un momento veramente speciale che rimarrà nei ricordi di ognuno.

Un ringraziamento agli Amici Giuseppe Guin e Giuliano Galli.

 

 

 

 

INTELLIGENZA ARTIFICIALE E IL PRIMATO ELL’ESSERE UMANO

Se pensiamo di stilare una classifica delle tematiche più attuali e discusse oggi, senza ombra di dubbio l’AI (Artificial Intelligence) è quella più attuale.

Partendo da un articolo dedicatoci  sul Magazine Economia 2023, facciamo qualche considerazione sul tema. Considerazioni che ci condurranno ad un lieto fine.

(L’articolo dedicatoci sul Magazine Economia 2023)

_____________________________________ 

 

Correva l’anno 1982 quando uscì nelle sale cinematografiche il film “Blade Runner” interpretato da un aitante e giovane Harrison Ford. Un mondo futuro in cui gli uomini erano affiancati da replicanti che avevano sembianze umane ma, in realtà, erano delle macchine. Macchine che poi si ribellavano creando non pochi problemi. Una ambientazione futura che sembrava veramente tanto lontana e irraggiungibile. Ma  progresso e  tecnologia sono molto veloci e in grado di stupirci….ed oggi sono già qui. Ecco che, allora, tramite l’uso di sistemi di Intelligenza Artificiale, possiamo parlare lingue sconosciute, scrivere testi come se fossimo letterati, seguaci di Cicerone o, ancora, conseguire conoscenze che in realtà non abbiamo.

Naturalmente dobbiamo riconoscere il valore dell’AI, in grado di portarci in un futuro in cui saremo sempre più affiancati da quelle potenzialità che solo una macchina può avere. Ogni settore delle attività umane è già interessato da questa tecnologia e altrettanto numerosi sono i vantaggi che vengono apportati. Tuttavia, esiste un primato dell’essere umano che non può e non deve essere delegato ad una macchina: la capacità di relazione.

 

(La locandina di Blade Runner)

 

Seguendo questa via è oggi possibile scrivere una relazione con un perfetto linguaggio tecnico, in lingua straniera e con riferimenti che denotano una cultura estremamente estesa, pur non avendo nessuna di queste competenze. Che bello! Pensare di poter scrivere una mail di presentazione personale per una nuova posizione di lavoro, affascinando chi ci legge per le competenze e le capacità espositive. Generando una aspettativa per un successivo incontro in presenza. Quel che è certo è che, sin dal primo impatto faremo colpo….e che colpo! In chi ci legge nascerà subito la volontà di volerci conoscere, di poter averci lì davanti per approfondire quello che abbiamo anticipato con le nostre note. Sin qui tutto bene.

Lo step successivo alla nostra presentazione preparataci da un “chatboat” sarà quello di incontrare un qualche referente che vorrà relazionarsi con noi per comprendere ancor meglio quello che abbiamo con tanta competenza utilizzato come presentazione. E qui iniziano i problemi. Problemi che riscontriamo ogni qualvolta dobbiamo dimostrare abilità che non abbiamo, improvvisando molto spesso con esiti a dir poco disastrosi. Se è vero come è vero che ho allegato uno “speech in lingua Maori“, sarà probabile che allo stupore di conoscere una persona che sappia parlare quella lingua, ci venga chiesto di replicare…dal vivo!

Questo preambolo in falsetto vuole iniziare  a portarci verso situazioni reali che sempre più ci vedranno impegnati a dimostrare quello che non siamo. Questo è il punto. E’ evidente il rischio che, come persona e come professionisti, incombe su di noi. Quello di danneggiare la nostra figura, andando a minare il nostro valore più prezioso, la nostra Reputazione. Così succede quando a grandi attese ingenerate seguono performance che svelano tutte le nostre incapacità e impreparazioni. Tre set a zero e match concluso! Del resto è comprensibile il desiderio di apparire bravi e preparati e….perché non approfittare di quell’aiutino che ci farà sembrare persone dotate di competenze specifiche, cultura, doti linguistiche e relazionali? Quanto è allettante farsi scrivere una tesi di laurea da un sistema che sfrutta ogni aspetto della conoscenza facendo fare un sussulto al relatore di quella tesi quando la legge. Se però dovremo discuterla in presenza….forse qualche problemino ce l’avremo!

 

(I contenitori delle nostre capacità e conoscenze)

 

Esiste quindi una sfera delle nostre competenze che dobbiamo saper completare e far crescere continuamente tramite attività di Formazione che realizzino quell’Empowerment  in grado di renderci sempre più competitivi e preparati. Preparati a dimostrare quello che siamo e sappiamo fare anche quando siamo seduti di fronte ad un’altra persona. Senza filtri e senza nessun tipo di aiuto, se non quello delle nostre conoscenze.

Il concetto è talmente semplice da farci correre il rischio di trascurarlo. Quello che nessun sistema artificiale sarà in grado di sostituire sono le “abilità relazionali“. Professioniste e professionisti che, in diverse situazioni e ambiti, si incontreranno per confrontarsi, discutere e prendere decisioni. In un rapporto one-to-one o one-to-many in cui tutto quello che potremo fare sarà espressione delle nostre competenze acquisite. 

 

(Arturo Benedetti Michelangeli: un genio ineguagliabile anche per la più sofisticata tecnologia.) 

 

Non di rado oggi, anzi, troppo sovente, si riscontrano doti relazionali estremamente scarse. Capacità che sono alla base delle nostre potenzialità che ci consentono di relazionarci in ogni ambito e con differenti controparti. Capacità acquisite e sviluppate tramite la volontà di perfezionarsi sempre più. Ecco che, allora, i concetti di “Competenze Trasversali” e “Soft Skills” divengono ancora più importanti proprio per allontanarci dal pericolo di affidarci a chi può, almeno a distanza, fare per noi.

Se il progresso delle varie applicazioni dell’AI nei più svariati ambiti delle attività umane ci arricchirà con nuove potenzialità, i “Rapporti Umani” e le “Abilità Relazionali” diventeranno sempre più il termine di paragone e il valore aggiunto di ogni professionista. Un valore che capitalizzerà il “Capitale Umano” rendendo ognuno di noi in grado di essere veramente quello che è anche quando siamo seduti ad una riunione o ci relazioniamo con un cliente.

(Il valore di un abbraccio, di un sorriso. Con l’amico Filippo Galli) 

 

E allora…benvenuta AI. Di lei non potremo farne più a meno e ne utilizzeremo tutte le strabilianti potenzialità. resta una certezza, un auspicio.

Un vezzo di noi umani sarà sempre quello di ritenerci irraggiungibili in ciò che nulla potrà mai uguagliarci, le nostre “Emozioni” e la nostra “Sensibilità” nei rapporti tra persone. Un primato da difendere. 

____________________________________

 

ROLANDI AUTO: SVELATI I NUOVI MARCHI PER IL 2024

 

Un fine anno ricco di novità in casa Rolandi Auto.

Se esiste un momento predisponente per annunciare importanti novità, il periodo natalizio è certamente la parte dell’anno più consona per presentare progetti che caratterizzeranno il nuovo anno ormai alle porte.

Rolandi Auto non si è fatta sfuggire questa opportunità per il 2024

_______________________________

 

E’ così che la Rolandi Auto, storica concessionaria alessandrina dei marchi BMW, MINI e BMW Motorrad, intende celebrare un nuovo anno a ben 57 anni dalla nascita dell’azienda. Fondata nel 1966, la Rolandi Auto è oggi un punto di riferimento e uno standard per la cura rivolta alla clientela, sia durante la fase di consulenza che nella altrettanto importante storia post vendita. Tecnicamente diremmo un approccio “customer oriented“, dove il cliente viene seguito in ogni passaggio del rapporto con l’azienda. Ecco uno dei motivi che fa si che la Rolandi Auto sia oggi un’azienda leader della provincia alessandrina. Un punto di riferimento caratterizzato da Affidabilità e Reputazione.

Il panorama automotive è in grande fermento. Nuove linee, nuova tecnologia di bordo e nuovi motori. Volendo ampliare l’offerta rivolta alla clientela, Rolandi Auto propone marchi innovativi in grado di soddisfare un’ampia platea di clienti, dalla piccola citycar sino ai potenti fuoristrada dotati di 4 ruote motrici. I brand introdotti sono: Sportequipe, Mitsubishi, KGM/SsangYong e Microlino.  

(Sportequipe, auto dalle linee affascinanti, dotata di grande confort e tecnologicamente all’avanguardia) 

 

(SsangYong Torres, Suv dalle linee moderne e muscolose)

 

Molte le novità in campo dei motori. Dai moderni benzina e diesel, sino alle auto ibride o elettriche. Motorizzazioni che soddisfano le più disparate esigenze, arrivando ad incontrare la sensibilità di quei clienti che vogliono contribuire alle attuali esigenze in campo di inquinamento e rispetto dell’ambiente. Lo stesso dicasi per gli utilizzi.  Partendo dai più spaziosi Suv Sportequipe e SsangYong Torres, passando per il grande pickup KGM Rexton a quattro ruote motrici, in grado di unire le doti di una comoda berlina a qualità da vero fuoristrada, sino a soddisfare le esigenze di chi ha necessità di un’auto più compatta.

(Il possente KGM Rexton. Capacità di carico, confort e trazione integrale per percorrere ogni tipologia di percorso)

 

L’anteprima a noi concessa nei primi giorni di Dicembre, ci ha consentito di “toccare con mano” la qualità di queste auto. E’ in uno spaziosissimo salone, posto nell’interno della città di cui si compone la Rolandi Auto, che, in una fredda mattina d’inverno, abbiamo visto allineati i vari modelli di ogni marchio. Sin da subito abbiamo apprezzato le moderne linee, accattivanti ed estremamente grintose. Interni spaziosi e molto curati, con sellerie in pelle al pari delle auto dei più prestigiosi marchi. Ben chiara l’ampia offerta che consente di scegliere il modello che si sposa al meglio con le esigenze del cliente.

E se siamo alla ricerca di un’auto da parcheggiare davanti all’ufficio in una zona in cui un posto auto è cosa rara?

La soluzione di un problema che, tantissimi di noi ha e sperimentiamo ogni giorno, si chiama “Microlino“. Si tratta di una moderna citycar, nipote di una piccola auto che ancora oggi è molto ricercata dai collezionisti di auto d’epoca, la mitica BMW “Isetta“. Riprendendone concetto e linee, la Microlino si propone di diventare la modernissima compagna per  tutti coloro che hanno bisogno di una piccola auto elettrica in grado di entrare nei centri storici potendo anche trovare un posto per parcheggiare. Comodità, versatilità e rispetto dell’ambiente. Cosa certo non da poco

 

(Microlino, la moderna erede della BMW Isetta.)    

 

Un 2024 ricco di novità. Così Rolandi Auto intende iniziare il nuovo anno, all’insegna di auto in grado di soddisfare le esigenze di una clientela sempre più ampia. Il terzo millennio ci propone ogni giorno grandi novità per un futuro che è già tra noi.

A questo futuro si rivolge la Rolandi Auto. Per percorrere insieme alla propria clientela questa nuova strada che, certamente, ci porterà lontano. Buon 2024!

 

MAGAZINE ECONOMIA 2023

Molto spesso si definiscono “importanti” alcune iniziative che, alla luce dei fatti, non sono poi così scintillanti e di utilità da parte di coloro che ne usufruiranno. Nel caso del Magazine Economia pubblicato ogni anno da “Il Piccolo” di Alessandria, è tutta un’altra storia.

Proprio così. A partire dall’idea di realizzare una raffinata e completissima guida che fotografa con estrema precisione tutte le attività, imprenditoriali e professionali, che contraddistinguono una provincia estremamente dinamica. Non facile, in un panorama editoriale estremamente competitivo, ideare e pubblicare un prodotto così utile e rappresentativo, in grado di gratificare il lavoro e l’impegno di ogni realtà rappresentata.

(La copertina dell’edizione 2023)

Studio Cirri si è unito a questa brillante iniziativa sin da subito. E’ grazie ad un partner di grande professionalità, Mauro Piccarolo professionista di Medial, che, sin dal momento in cui ci ha presentato il progetto, lo abbiamo apprezzato e condiviso. Tante le “motivazioni” per desiderare di essere parte di un progetto così importante. Anzitutto la collaborazione e stima professionale che ci lega a Mauro Piccarolo e Katia Mannarino, dirigente del gruppo Medial. Collaborazione che ci vede uniti in tanti progetti a supporto di altrettante realtà professionali della nostra provincia. In secondo luogo, dare la nostra disponibilità, in veste di delegati FERPI (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana) per la nostra provincia, per tutte quelle realtà che, di una Comunicazione e Formazione manageriale, possono necessitare per creare valore per le loro attività e per le persone che le rappresentano.

(Il nostro redazionale curato da Giordano Panaro)

In questa edizione abbiamo voluto concentrare il nostro contributo su due tematiche oggi centrali: il Capitale Umano e le Competenze Trasversali. Tematiche realmente strategiche per ogni attività di impresa e per ogni professionista. In un Terzo Millennio che ci sta portando sempre più verso Intelligenza Artificiale e Metaverso, esiste ancora un valore che, non di rado, vediamo essere relegato a complementare se non superfluo. E’ del Capitale Umano che stiamo parlando, di quel mix di intelligenza, emotività, empatia e intraprendenza, ineguagliabile e irraggiungibile anche per qualsiasi meravigliosa macchina che in futuro tenderà a sostituirci.

Ecco il patrimonio che ci renderà sempre unici e irripetibili, come unico e irripetibile è ognuno di noi. Ecco il valore più grande sul quale dobbiamo investire per affrontare le sfide che ci attendono. Sfide che si giocano con le nostre “Competenze” in campo relazionale.

Il nostro contributo vuole focalizzare l’attenzione su quanto “l’investimento sul Capitale Umano” sia oggi di fondamentale importanza. Essere formati sulle competenze tecniche è ovviamente fondamentale per esercitare un dato ruolo, ma non basta più. Oggi, ogni figura professionale e ogni componente di una azienda, deve essere formato su una serie di tematiche che consentono di districarsi in una molteplicità di ruoli e situazioni. Ecco, allora, che fondamentali sono le competenze in come Gestire le Relazioni con la clientela, Comunicare in modo Efficace, su come poter risolvere Relazioni Conflittuali, Gestire un Team di lavoro o essere un Leader coinvolgente e in grado di motivare i propri collaboratori.

(L’articolo che ci ha dedicato Marco Bertoncini) 

Anche quest’anno l’edizione 2023 del Magazine Economia ci accompagnerà alla conclusione di un anno difficile, sia sotto il profilo socio-economico sia sul piano internazionale. La nostra provincia si rappresenta ricca di valori e di un tessuto imprenditoriale capace di affrontare le sfide del 2024 ormai alle porte.

Anche per questo nuovo anno “la nostra Mission sarà quella di affiancare imprese e professionisti per gestire una Comunicazione realmente efficace e una attività di Formazione che dia maggiori competenze in campo relazionale e contribuisca a consolidare e rafforzare la Reputazione di ogni realtà lavorativa.

 

BNI NIKE ALESSANDRIA

Giovedi 16 novembre 2023 durante la consueta riunione settimanale, la presentazione professionale verrà affidata a Claudia Salciccia, esperta in Relazioni Pubbliche e Comunicazione. 

_________________________________________

(Telecity Inside News 24: ciclo interventi “Pillole di Comunicazione Strategica”) 

 

Un contesto professionale tutto al femminile. Una rappresentanza di imprenditrici e professioniste che ritrae efficacemente le potenzialità del territorio alessandrino e albese. Con questo biglietto da visita si presenta questo Capitolo dove il colore rosa è esclusivo.

Ogni riunione settimanale è caratterizzata dalla presentazione approfondita di ogni componente del Capitolo. Un modo di creare sempre maggiore compliance tra i Membri di Capitolo nonché di far conoscere la propria professionalità ai tanti ospiti presenti.

Questa settimana sarà la Vicepresidente, Claudia Salciccia, a presentare competenze e attività professionale. Un focus sul mondo della “Comunicazione d’Impresa” e sul mondo della “Formazione” in “Skills Trasversali“.

(Un momento dell’inaugurazione di una galleria d’arte moderna) 

 

La dott.ssa Claudia Salciccia è una competente consulente in Comunicazione. Specializzata in Relazioni Pubbliche e Comunicazione, rappresenta con grande professionalità lo Studio Cirri di Valenza che, nella città dell’oro, è referente di FERPI, la Federazione delle Relazioni Pubbliche Italiana.

E’ in questo contesto che aziende e professionisti trovano in Lei una attenta  ed esperta consulente in grado anzitutto di “ascoltare” vicende e progetti. E’ proprio da un “Ascolto” realmente attivo che si qualifica l’approccio professionale di Claudia, in grado di entrare sin dal primo contatto in sintonia con ogni controparte. Elemento qualificante che consente di capire a fondo quanto viene presentato iniziando a concepire un possibile approccio comunicativo focalizzato sulle reali esigenze del cliente. Da qui, Marco Bertoncini,  ne ha ricavato il titolo per il bell’articolo che ci ha dedicato sul Magazine Economia 2022: “Studio Cirri, il sarto della comunicazione“. Concetto di sartorialità per evidenziare che l’attività di consulenza in comunicazione è realmente “cucita” sulle aspettative e, non di rado, sui desideri che coronano un progetto lavorativo.

 

(Grattacielo Regione Piemonte: presentazione della tappa piemontese dell’Oscar di Bilancio 2023)

In base a questo concetto di sartorialità, le attività di comunicazione gestite da Claudia Salciccia utilizzano un ventaglio di collaborazioni che sono consolidate per il nostro studio: carta stampata locale e nazionale, radio e televisioni per citarne alcune. Aspetto importante è la preparazione di articoli redazionali in grado di trasmettere le “emozioni” che emergono durante i colloqui conoscitivi. Questo è un aspetto che contraddistingue l’esperienza professionale di Claudia, estremamente attenta e capace nel far emergere quei sentimenti che legano ogni professionista alla propria azienda e allo sviluppo futuro di essa.

All’attività di Formazione Claudia si dedica strutturando i workshop che vengono tenuti presso Studio Cirri o presso la sede dei clienti. Anche in questo ambito l’esperienza consente di individuare le reali “esigenze formative” che vengono poi declinate in “corsi di formazione” personalizzati. Personalizzati anche tenendo conto delle differenti personalità che compongono un gruppo, con diverse esperienze ed esigenze formative a volte diametralmente opposte. Ecco che, allora, la strutturazione di un corso utilizzando modalità interattive, le consente di massimizzare l’esperienza per ogni singolo componente. Capacità di interagire con “Empatia“, forse anche in ragione del fatto che tra poco conseguirà un’ulteriore titolo accademico, la Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche.

 

(IIS Benvenuto Cellini: immagine al termine di una mattina di formazione al Liceo Alberti) 

Così si presenterà la nostra Claudia in questo giovedì a Lei dedicato. Per condividere quanto “Comunicazione” e “Formazione” siano indispensabili per costruire Reputazione e Valore per ogni attività imprenditoriale o professionale, dalla piccola attività di vicinato sino alla multinazionale o al brand del lusso.

I segreti di Claudia, competenza, passione e preparazione.

Buon lavoro Claudia!

 

RICERCA PERSONALE VENDITE SETTORE AUTOMOTIVE

Condividi la tua passione con i nostri clienti e approfitta di questa occasione per iniziare un nuovo entusiasmante percorso come venditore della rete Sportequipe. 

 

_____________________________________

 

Studio Cirri è stato incaricato da un primario concessionario auto e moto della provincia di Alessandria, di ricercare un addetto/a alle vendite da inserire nel settore al fine di offrire alla clientela un servizio di alta qualità in ogni fase del processo di acquisto.

Il/la candidato/a ideale dovrà avere le seguenti qualifiche:

  • Preferibilmente con pregressa esperienza nelle vendite del settore auto
  • Competenze di comunicazione e relazione con il cliente
  • Capacità di trasmettere e gestire emozioni
  • Formazione tecnica – economica
  • Conoscenza base della tecnica automobilistica e del Settore Industriale
  • Ottima conoscenza dei sistemi informatici e del pacchetto Office
  • Gestione di nuovi flussi digitali e utilizzo di nuovi strumenti
  • Orientamento al cliente e al risultato
  • Coinvolgimento personale nella ricerca di un miglioramento delle prestazioni
  • Patente di guida B
  • Passione per il settore moto
  • Gradita Partita IVA 

Le responsabilità della posizione includono:

  • Saper accogliere i clienti sia fisicamente che digitalmente offrendo un servizio di consulenza alla vendita sulla gamma di prodotti Sportequipe
  • Analisi dell’area di vendita e del mercato potenziale
  • Pianificazione e sviluppo di attività per eventi di promozione e conquista
  • Gestione dei contatti e della consulenza ai Clienti con particolare riguardo ai Contatti Diretti, Contatti B2B ed e Eventi
  • Gestione del processo di vendita in tutte le sue parti, dalle fasi del Customer Care a quelle successive alla consegna

Contratto di lavoro:

  • Tempo pieno
  • Tempo indeterminato
  • Contratto con Partita IVA

Orario di lavoro:

  • Dal lunedì al venerdì
  • Festivo
  • Weekend

Esperienza:

  • Venditore/Venditrice, almeno 1 anno.

____________________________________

 

Per invio curriculum e richiesta incontro, contattare:

info@studiocirri.com

338 – 73.48.952

338 – 3290789 

 

OSCAR DI BILANCIO 2023

 

 La tappa Piemontese del Roadshow nazionale per il lancio della 59° edizione dell’OSCAR di BILANCIO di FERPI

L’evento, organizzato dalla Delegazione FERPI Piemonte e Valle d’Aosta e patrocinato dalla Regione Piemonte, è stata l’occasione per riflettere sul valore della comunicazione di rendicontazione in un momento di profondo cambiamento.

 _________________________________________

“Studio Cirri, in qualità di referente FERPI per la provincia di Alessandria,  in un’ottica di valorizzazione del comparto della gioielleria di alta gamma che contraddistingue il distretto di Valenza, ha dato agli intervenuti l’opportunità di ascoltare la relazione di Alessia CRIVELLI, Presidente della Fondazione Mani Intelligenti. Con questa presenza, il distretto valenzano della gioielleria ha arricchito la compagine di aziende e settori che compongono questo premio ormai alla 59^ edizione.

Lieti di contribuire con la nostra professionalità alla valorizzazione del nostro territorio e delle aziende che lo contraddistinguono” 

 

(Alessia Crivelli durante il suo intervento)

__________________________________________

 

 

Torino, 14 settembre 2023 – Il percorso di avvicinamento alla 59° edizione dell’Oscar di Bilancio è continuato il 14 settembre a Torino. Alle 15, presso la Sala Trasparenza del Grattacielo della Regione Piemonte, si è tenuto l’incontro “VALORE CONDIVISO. Il futuro della rendicontazione si scrive oggi” a cura della delegazione FERPI Piemonte e Valle d’Aosta, secondo appuntamento del roadshow sul territorio nazionale.

L’Oscar di Bilancio – da quasi 60 anni il più importante appuntamento italiano che premia le imprese che rendicontano il proprio operato – è realizzato e promosso da FERPI, Federazione Relazioni Pubbliche Italiana, dall’Università Bocconi e da Borsa Italiana. L’iniziativa ha saputo adattarsi con dinamismo all’evoluzione dei processi di rendicontazione, sostenendone lo sviluppo e rivolgendosi a ogni tipo di organizzazione, dalle PMI alle Grandi Quotate, dal Terzo Settore alle Istituzioni Pubbliche.

L’incontro, patrocinato e ospitato dalla Regione Piemonte, è stata una interessante occasione per confrontarsi con il mondo dell’Amministrazione Pubblica e di quello Associativo delle Istituzioni, oltre che per illustrare le novità della nuova edizione e gli elementi distintivi che rendono l’Oscar di Bilancio il premio italiano sul reporting più prestigioso e autorevole.

Sono due le principali novità di questa edizione: la prima è l’integrazione della Categoria “Utility e Multiutility quotate e non” per valorizzare le specificità di questa tipologia di impresa che si occupa di sevizi di pubblica utilità e il suo ruolo per lo sviluppo sostenibile di comunità e territori. La seconda risponde all’esigenza di ampliare la platea dei destinatari del bilancio di sostenibilità sociale e ambientale: un riconoscimento dedicato alla Generazione Z – organizzato in collaborazione con il Giffoni Innovation Hub – che valuta la capacità dei Bilanci di Sostenibilità di coinvolgere le nuove generazioni nel “raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità tramite canali e strumenti di comunicazione innovativi”. Si confermano infine gli altri Premi speciali “Comunicazione della sostenibilità”, “Dichiarazione non finanziaria” e “Integrated Reporting”.

Sono intervenuti Alberto CIRIO, Presidente della Regione Piemonte; Andrea TRONZANO, Assessore Regionale al Bilancio e allo Sviluppo delle attività produttive e delle PMI; Emanuele RAMELLA PRALUNGO, Presidente Vicario ANCI PIEMONTE; Raoul ROMOLI VENTURI, Presidente OSSERVATORIO DELLA COMUNICAZIONE DI IMPRESA di CONFINDUSTRIA PIEMONTE; Stefania STECCA, Responsabile della Comunicazione Istituzionale e Organizzativa dell’Università di Torino; Brigitte SARDO, Presidente APID; Alessia CRIVELLI, Presidente FONDAZIONE MANI INTELLIGENTI; Federica MASTROIANNI, Share Value & Impact  Manager di NOVAMONT – Premio Oscar di Bilancio 2022 – Categoria «Società Benefit»; Elena FLOR, Responsabile ESG & Sustainability di INTESA SANPAOLO: Premio OscardiBilancio2021– Speciale «Dichiarazione Non Finanziaria»; Marco CANTAMESSA, Presidente Gruppo C.V.A.: Premio  Oscar di Bilancio 2021-Categoria «Grandi Imprese Non Quotate»; Ezio BERTINO, Presidente Delegato per il Piemonte e la Val d’Aosta di FERPI. Ha moderato l’incontro Gianni FIRERA, Presidente di UNSIC Piemonte e Responsabile Relazioni Istituzionali della Delegazione Piemonte e Valle d’Aosta di FERPI.

“Per chi fa amministrazione pubblica e, in particolare, chi gestisce le finanze, parlare con i cittadini attraverso una comunicazione che spieghi al meglio come vengono utilizzate le risorse pubbliche è un atto di trasparenza che deve essere il più efficace possibile. Comunicare al meglio significa permettere ai cittadini di comprendere come vengono usate le risorse e il tipo di scelte che sono fatte. Premiare chi riesce farlo in modo efficace, con un occhio alla socialità e alla sostenibilità è un merito e può diventare anche un modello da seguire
Noi come regione Piemonte da un paio d’anni stiamo lavorando sul Bilancio POP che restituisce ai cittadini una corretta informazione su come vengono spesi i soldi pubblici. Il Bilancio POP è uno strumento di rendicontazione consolidata sociale che si mette “nei panni dei cittadini” semplificando il linguaggio economico-finanziario-patrimoniale. Con immagini e grafiche racconta le attività dell’amministrazione pubblica, traducendo informazioni complesse in notizie accessibili, e valuta le interazioni sui siti web, social network e blog di tutti i cittadini fornendo all’amministrazione elementi per meglio comprendere cosa si può migliorare nelle azioni di governo, rispettando l’uguaglianza e senza lasciare nessuno indietro. È uno strumento prezioso per favorire la conoscenza reciproca tra la pubblica amministrazione e i suoi cittadini. Il tutto deve essere costruito su parole chiave come accessibilità, trasparenza, comprensibilità e sostenibilità”
, hanno dichiarato il Presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, e l’Assessore al Bilancio, Andrea Tronzano.

Ezio Bertino, Presidente Delegato di FERPI per il Piemonte e la Valle d’Aosta ha ribadito come il “Rendere conto del proprio agire è un doveroso atto di trasparenza e di responsabilità sociale che rafforza le relazioni, il dialogo e la fiducia con gli stakeholder. FERPI, attraverso l’Oscar di Bilancio, sviluppa e sostiene la cultura della comunicazione evoluta e professionale anche nella rendicontazione delle aziende e degli enti in termini sociali e di sostenibilità ambientale, articolata e allo stesso tempo accessibile e comprensibile da tutti i possibili pubblici di riferimento dell’organizzazione, sia essa pubblica che privata. Oggi il premio si inserisce in un contesto di grande fermento, anche normativo, che testimonia il ruolo sempre più nevralgico degli aspetti di equità, rispetto, impegno e integrità sociale e ambientale, finalmente trattati con la stessa dignità riservata un tempo alla sola dimensione economica e finanziaria.”

La  59° edizione ha iniziato a raccogliere le candidature: la data entro cui è possibile candidarsi è il 20 ottobre 2023. La premiazione è prevista come sempre a Milano presso Palazzo Mezzanotte di Borsa Italiana, entro dicembre.

La partecipazione all’Oscar di Bilancio 2023 è gratuita. Possono partecipare le organizzazioni con sede in Italia che rientrano nelle seguenti categorie:

 

  • Grandi imprese quotate
  • Grandi imprese non quotate
  • Utility o Multi-utility quotate e non
  • Medie e piccole imprese quotate
  • Medie e piccole imprese non quotate
  • Imprese finanziarie
  • Società Benefit
  • Istituzioni pubbliche e associazioni di rappresentanza
  • Fondazioni di erogazione
  • Imprese sociali e organizzazioni non profit

 

Le iscrizioni per partecipare al premio sono aperte, sino al 20 ottobre 2023, al seguente link: https://www.ferpi.it/oscar-di-bilancio/come-partecipare

Per qualsiasi informazione in merito alla partecipazione, è possibile contattare la Segreteria organizzativa all’indirizzo oscardibilancio@ferpi.it

 

  

Associazioni partner dell’Oscar di Bilancio 2023:

 

AIAF – Associazione Italiana per l’Analisi Finanziaria

AIIA – Associazione Italiana Internal Auditors

AIR – Associazione Investor Relations

ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani

ANDAF – Associazione Italiana Direttori Amministrativi e Finanziari

ANIMA per il sociale nei valori d’impresa

ASSOBENEFIT – Associazione nazionale Società Benefit

FONDAZIONE SODALITAS

FONDAZIONE OIBR – Organismo Italiano di Business Reporting

GBS – Gruppo Bilanci e Sostenibilità

GIH – Giffoni Innovation Hub

NEDCOMMUNITY – Associazione Italiana degli amministratori non esecutivi e indipendenti

ODCEC – Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano

SUSTAINABILITY MAKERS – The professional network

QUOTE RELATORI

 

Raoul ROMOLI VENTURI – Direttore Comunicazione e Relazioni Pubbliche di FERRERO e Presidente OSSERVATORIO DELLA COMUNICAZIONE DI IMPRESA di CONFINDUSTRIA PIEMONTE
“Il bilancio di sostenibilità è certamente uno strumento di comunicazione in sé per un pubblico erudito, ma è soprattutto un hub di contenuti che vanno reinterpretati per i diversi canali media. I contenuti devono agire sull’emisfero razionale degli stakeholder di riferimento con un linguaggio più semplice di quello di un bilancio di sostenibilità redatto secondo le corrette norme internazionali.”

 

Elena FLOR – Responsabile ESG & Sustainability di INTESA SANPAOLO
“L’Oscar di Bilancio che abbiamo ricevuto nel 2021 è stato un importante riconoscimento al nostro lavoro. Da allora abbiamo rafforzato l’impegno ad una rendicontazione sempre più completa e trasparente con la pubblicazione di un set integrato e strutturato di documenti sui risultati raggiunti dal Gruppo sui temi ESG. Oggi oltre alla Dichiarazione Consolidata Non Finanziaria pubblichiamo anche il TCFD Report, dedicato ai temi climatici e alla transizione verso un’economia a basse emissioni, e il PRB Report che rendiconta i progressi raggiunti rispetto ai Principles for Responsibile Banking, con l’obiettivo di rispondere alle aspettative di tutti gli stakeholder.”

 

Marco CANTAMESSA – Presidente Gruppo C.V.A.

“Il Gruppo CVA è “rinnovabile da sempre”, e il nostro piano di sviluppo industriale conferma l’intento di affermarci sempre più come azienda nazionale leader su tutti i fronti della transizione energetica, dalla produzione rinnovabile, idroelettrica, eolica e fotovoltaica, sino al settore dell’efficienza energetica.

Comunicare e condividere con i nostri diversi stakeholder il nostro impegno ambientale e sociale insieme ai risultati economici è per noi imperativo, perché la sostenibilità è centrale rispetto alla nostra strategia, perché il nostro azionariato è al 100% pubblico, e anche perché un’azienda come la nostra prospera se ha un rapporto stretto e continuativo con i territori sui quali opera.  In una fase storica in cui la retorica sul tema è dilagante, è fondamentale per le aziende rappresentare il proprio engagement in modo serio e puntuale, partendo dai bilanci di sostenibilità. La scelta degli organizzatori del Premio Ferpi di sottolineare in quest’edizione del premio l’importanza del valore condiviso della rendicontazione è totalmente in linea con la volontà comunicativa di CVA, che ha iniziato a redigere i propri report di sostenibilità cinque anni fa, quando ancora non esisteva un obbligo di legge in tal senso.”

Federica MASTROIANNI, Share Value & Impact  Manager di NOVAMONT

“Ricevere l’Oscar di Bilancio nella categoria società benefit ha rappresentato per noi un’importante conferma del nostro impegno nel misurare e condividere con tutti gli stakeholder i nostri obiettivi e impatti, ma anche un’opportunità di confronto e scambio con altre realtà che hanno intrapreso percorsi simili al nostro. Questo autorevole riconoscimento è certamente uno stimolo a continuare a comunicare il valore creato nei territori e nelle comunità e a contribuire alla diffusione di una cultura della sostenibilità e della trasparenza.”

Emanuele RAMELLA PRALUNGO, Presidente Vicario ANCI PIEMONTE
“L’Oscar di Bilancio di Ferpi dedica una particolare attenzione alla Comunicazione di rendicontazione degli Enti Pubblici: un’occasione straordinaria per dimostrare il proprio continuo impegno per la propria trasparenza, responsabilità sociale e capacità di guardare con competenza al futuro dei territori e delle comunità. Partecipare all’Oscar di Bilancio rappresenta anche un’opportunità unica  per migliorare la propria comunicazione attraverso il confronto con la più importante e accreditata Federazione di Comunicatori e di Relatori Pubblici. Inviteremo quindi con convinzione e piacere i comuni associati ad Anci Piemonte a partecipare all’Oscar di Bilancio 2023 e a dimostrare le loro grandi capacità e il crescente impegno nella relazione con i propri cittadini sempre più matura e compartecipata.”

Alessia CRIVELLI, Presidente FONDAZIONE MANI INTELLIGENTI
“L’Oscar di Bilancio, un importante appuntamento che offre l’opportunità alle aziende di poter presentare la propria rendicontazione apertamente in maniera sempre più chiara e articolata, ponendo inoltre l’attenzione sull’importanza della trasparenza e dell’innovazione.”

Brigitte SARDO, Presidente APID
“L’Oscar di Bilancio, sostenuto anche da APID  e API, viene visto come un incentivo a riconoscere quelle aziende che si prodigano nell’adozione di un approccio sistemico, dimostrando un impegno tangibile verso il sociale e la sostenibilità, nella consapevolezza che, se da un lato l’obiettivo finale di un’azienda è generare utile, dall’altro questo passa anche e soprattutto dal rispetto verso tutti gli stakeholder, il  personale,  l’ambiente,  il  territorio  e  il  tessuto  sociale  che  vi  sono indissolubilmente collegati. Educare e sostenere le  aziende  verso  questo  passaggio ormai  inevitabile  e fortemente consigliato, passa anche attraverso un premio così prestigioso, che riconosce l’impegno nella diffusione di pratiche sostenibili comunicate efficacemente e in grado di creare valore.”

Stefania STECCA, Responsabile della Comunicazione Istituzionale e Organizzativa dell’Università di Torino
“Il prestigio del premio Oscar di Bilancio Ferpi rappresenta per le istituzioni pubbliche, anche quelle accademiche, una preziosa opportunità per presentare il proprio impegno sul piano della rendicontazione pubblica e della propria responsabilità verso la collettività, contribuendo così all’affermazione di una cultura della rendicontazione di qualità, fondata su robuste metodologie di lavoro. Candidandosi all’Oscar di Bilancio Ferpi, le Università possono mostrare il grande lavoro avviato in questi anni sul piano metodologico e sul piano operativo in materia di sostenibilità, attraverso il quale hanno valorizzato, e offerto maggiore consapevolezza pubblica, alle loro attività di didattica, di ricerca scientifica, di terza missione e di trasferimento della conoscenza; un esempio concreto di come si legano sostenibilità economica, ambientale e sociale, e diffusione di una cultura di accountability e di miglioramento continuo. Incoraggiando in tal senso l’adozione di pratiche organizzative sostenibili e la creazione di valore per i propri stakeholders e la collettività nel suo insieme.”

 

 

 

OSCAR DI BILANCIO 2023

Aspettando l’Oscar di Bilancio:

il 14 settembre il roadshow fa tappa a Torino

 

Studio Cirri, in qualità di referente FERPI per la provincia di Alessandria, contribuirà a questo importante evento che vuole avvicinare le imprese ad una attività di rendicontazione in linea con la sostenibilità ambientale e con una lealtà nella comunicazione con i propri pubblici di riferimento.  La presenza di Alessia Crivelli, Presidente di Mani Intelligenti, darà il modo di estendere questo appuntamento anche al comparto del lusso in ambito della gioielleria di alta gamma.

____________________________________________

 

 

L’evento, organizzato dalla Delegazione FERPI Piemonte e Valle d’Aosta, sarà occasione per riflettere sul valore della comunicazione di rendicontazione in un momento di profondo cambiamento.

Il percorso di avvicinamento alla 59° edizione dell’Oscar di Bilancio continua il 14 settembre a Torino. Alle 18, presso la Sala Trasparenza del Grattacielo della Regione Piemonte, si terrà l’incontro “VALORE CONDIVISO. Il futuro della rendicontazione si scrive oggi” a cura della delegazione FERPI Piemonte e Valle d’Aosta, secondo appuntamento del roadshow sul territorio nazionale che scandirà il countdown verso la cerimonia di premiazione di dicembre a Milano.

L’Oscar di Bilancio – il più importante appuntamento italiano che premia le imprese che rendicontano il proprio operato – è realizzato e promosso da FERPI, Federazione Relazioni Pubbliche Italiana, Università Bocconi e Borsa Italiana. L’iniziativa ha saputo adattarsi con dinamismo all’evoluzione dei processi di rendicontazione, sostenendone lo sviluppo e rivolgendosi a ogni tipo di organizzazione, dalle PMI alle Grandi Quotate, dal Terzo Settore alle Istituzioni Pubbliche. Oggi, alla sua 59° edizione, il premio si inserisce in un contesto di grande fermento, anche normativo, che testimonia il ruolo sempre più nevralgico per le organizzazioni degli aspetti di sostenibilità sociale e ambientale, finalmente trattati con la stessa dignità riservata un tempo alla sola dimensione economica e finanziaria.

Rendere conto del proprio agire è un doveroso atto di trasparenza e di responsabilità sociale” commenta Ezio Bertino, Presidente Delegato Piemonte e Valle d’Aosta di FERPI, “che rafforza il dialogo con i propri stakeholder, consolidando un rapporto di reciproca fiducia. Proprio per questo, anche quando ci occupiamo di reportistica, stiamo parlando sempre e comunque di cura delle relazioni. Da qui nasce l’impegno di FERPI, attraverso l’Oscar di Bilancio, nel supportare la cultura della comunicazione di rendicontazione sempre più finalizzata a rappresentare l’impegno delle aziende e degli enti in termini sociali e di sostenibilità ambientale, articolata e allo stesso tempo accessibile e comprensibile, in grado di parlare a più pubblici. Una comunicazione professionale implica l’adozione consapevole di standard internazionali, la verifica indipendente delle informazioni fornite, la chiarezza, la completezza e la coerenza dei contenuti ed è condizione imprescindibile per rafforzare la trasparenza, la reputazione, la competitività e la fiducia verso tutti i pubblici di riferimento dell’organizzazione, sia essa pubblica o privata.

Una delle principali novità di questa edizione risponde proprio all’esigenza di ampliare la platea dei destinatari: l’aggiunta tra i Premi speciali di un riconoscimento dedicato alla Generazione Z – organizzato in collaborazione con il Giffoni Innovation Hub – che valuta la capacità dei Bilanci di Sostenibilità di coinvolgere le nuove generazioni nel “raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità tramite canali e strumenti di comunicazione innovativi”.

Interverranno Alberto CIRIO, Presidente della Regione Piemonte; Andrea TRONZANO, Assessore Regionale al Bilancio e allo Sviluppo delle attività produttive e delle PMI; Gianna PENTENERO, Assessore al Lavoro e alle Attività Produttive del Comune di Torino; Emanuele RAMELLA PRALUNGO, Presidente Vicario ANCI PIEMONTE; Raoul ROMOLI VENTURI, Presidente OSSERVATORIO DELLA COMUNICAZIONE DI IMPRESA di CONFINDUSTRIA PIEMONTE; Stefania STECCA, Responsabile della Comunicazione Istituzionale e Organizzativa dell’Università di Torino; Brigitte SARDO, Presidente APID; Alessia CRIVELLI, Presidente FONDAZIONE MANI INTELLIGENTI; Francesco RAZZA, Group Sustainability Manager di NOVAMONT – Premio Oscar di biancio 2022 – Categoria «Società Benefit»; Elena FLOR, Responsabile ESG & Sustainability di INTESA SANPAOLO: Premio OscardiBilancio2021–Speciale «Dichiarazione Non Finanziaria»;
Per info: delegazione.piemonte@ferpi.it – mobile e WA: 375 712 2451
Marco CANTAMESSA, Presidente Gruppo C.V.A.: PremioOscardiBilancio2021-Categoria «Grandi Imprese Non Quotate»; Ezio BERTINO, Presidente Delegato per il Piemonte e la Val d’Aosta di FERPI.

Modererà l’incontro: Gianni FIRERA, Presidente di UNSIC Piemonte e Responsabile Relazioni Istituzionali della Delegazione Piemonte e Valle d’Aosta di FERPI
Accanto all’importante partecipazione istituzionale e industriale piemontese, l’incontro vedrà un momento dedicato alle realtà che si sono aggiudicate l’Oscar nelle passate edizioni: le imprese piemontesi vincitrici nelle edizioni passate dell’Oscar di Bilancio porteranno la loro testimonianza diretta e concreta di quanto il reporting sia un processo chiave per una organizzazione competitiva, moderna, responsabile.

Le iscrizioni per partecipare al premio sono aperte al seguente link: https://www.ferpi.it/oscar-di-bilancio/come-partecipare

 

 

 

LIONS INTERNATIONAL

RECCO: GIORNATA DISTRETTUALE DI ASSEGNAZIONE DELLE CARICHE 

_________________________

 

Una giornata di piena estate. Una località rappresentativa di quella Liguria frequentata da migliaia di famiglie dove, molti di noi, hanno trascorso la propria infanzia. E’ in una mattina strepitosamente tersa, in un sabato affollato dai turisti, che si è svolta la giornata distrettuale di assegnazione delle cariche. Giornata in cui il Governatore  Giuseppe Cervo ha incaricato ufficialmente tutti gli Officer che condivideranno con Lui questo anno lionistico.

Gli Officer Distrettuali sono i responsabili di una data area e di progetti e rapporti ben definiti. Se vogliamo i dirigenti che, singolarmente o in team, dipendono direttamente dal Governatore. Quelle figure che devono interpretarne le linee guida facendo da filtro tra i clubs e il distretto. Ma le responsabilità si ampliano quando le figure degli Officer  divengono i referenti che devono rappresentare i Lions nei confronti del tessuto socio economico del distretto.

(Il Governatore, dott. Giuseppe Cervo, durante il saluto agli Officer Distrettuali)

Il nostro distretto, definito 108IA2,  comprende la provincia di Alessandria e la parte est della Liguria, da Genova a la Spezia. Territorio ampio con realtà socio economiche molto diverse tra loro. Realtà con cui ogni club e ogni officer devono interfacciarsi per gestire al meglio le esigenze in campo assistenziale e umanitario.

Il compito affidatomi dal Governatore è quello di “Responsabile Marketing Distrettuale“. Figura che dipende unicamente dal Governatore e al quale deve riferirsi per individuare le linee guida di una attività di marketing molto particolare. Volendo dare una definizione autorevole di marketing, possiamo riferirci a quella del padre del marketing moderno, Philip Kotler, che lo definisce come un “Processo sociale attraverso il quale gli individui e i gruppi ottengono ciò di cui hanno bisogno attraverso la creazione, l’offerta e lo scambio di prodotti e di servizi di valore“. 

Evidente una particolare declinazione per una attività di marketing legata non ad una azienda produttrice di beni o servizi, ma ad un associazione il cui “core business” è quello di interpretare i bisogni e le necessità della società che ci circonda. Quindi una declinazione dell’attività di marketing che deve guardare alle esigenze di varie parti della società, cercando di interpretare quelle più urgenti e a maggior valore umanitario.

Da questa particolare declinazione ne deve scaturire un’interpretazione che si traduca in comunicazioni e azioni contraddistinte da una caratteristica imprescindibile. Quella di “parlare al cuore delle persone” e della comunità in cui operiamo. Ecco il segreto in grado di dare la percezione di una attività in grado di condividere le tante necessità che vengono portate come richieste di aiuto ai Clubs Lions. Al Governatore spetta di armonizzare e dare un indirizzo circa le attività da perseguire nell’anno in cui gli spetterà il compito di ricoprire questa importante carica.

 

   (Con il Governatore Giuseppe Cervo)

Al governatore,  il mio personale ringraziamento per avermi voluto al Suo fianco in questa delicata veste di responsabile dell’attività di marketing. Figura che lavora al Suo stretto contatto dovendo riferire unicamente alla Sua persona, senza intermediari. Una carica in cui cercherò di capitalizzare le mie esperienze professionali unitamente alla volontà di creare un coinvolgimento emotivo che ci avvicini ulteriormente a tutti coloro, collettività e singole persone, che avranno modo di collaborare con noi per contribuire al soddisfacimento di molteplici necessità in campo relazionale, sanitario, sociale ed educativo.

Al Governatore e a Tutti gli Officer un augurio di buon lavoro. We Serve.

 

 

 

 

 

CONCERTO PER LIMBIATE: UNA SERATA DA RICORDARE

Una serata di mezza estate in una location mozzafiato. Due artisti che hanno incantato il pubblico con un programma di altissimo livello. Una finalità benefica di grande significato. Un obiettivo raggiunto: contribuire alla donazione di un Cane Guida.

________________________________ 

 

(La Labrador GIO’ all’arrivo con l’addestratore Andrea)

 

E’ con questa immagine che vogliamo iniziare la cronaca di questa bellissima serata. Con l’arrivo dell’ospite d’onore, la nostra GIO’, Labrador di un anno, accompagnata dal suo simpaticissimo addestratore  Andrea.

Ospite d’onore che, per tutta la sera, ha dispensato baci a tutti coloro che le si sono avvicinati, dimostrando una straordinaria indole. Dote caratteriale che ci anticipa quanto sia abilitata per divenire un Angelo a quattro zampe di futura assegnazione. Infatti, GIO’ ha appena iniziato il corso che, in circa sei mesi, la porterà ad essere “laureata” a pieni voti conferendole l’abilitazione per divenire un Cane Guida certificato. Poco dopo l’arrivo di Andrea e GIO’, abbiamo accolto il Vicepresidente del Centro di Limbiate, Marco D’Auria, che ci ha fatto l’onore di trascorrere la serata con noi. Un anticipato ringraziamento ad entrambi per essersi resi disponibili anche in una serata così calda.

                                   

(Il Vicepresidente del Centro Cani Guida di Limbiate, Marco D’Auria, durante il suo intervento)

L’arrivo degli ospiti è stato gestito da Claudia e Giulio Cirri che, per l’occorrenza, hanno ricoperto il ruolo di cerimonieri della serata. Ogni ospite è stato accolto all’ingresso del Complesso Monumentale e accompagnato nel primo Chiostro dove è stato servito un aperitivo di benvenuto. Sempre qui, ognuno ha potuto conoscere i nostri ospiti, rappresentanti del Centro di Limbiate, iniziando così ad entrare in questa incredibile realtà. Le tante domande poste all’ombra di questi antichi porticati testimoniano l’interesse di tutti nel cercare di comprendere meglio cosa voglia dire allevare e formare Cani Guida che poi verranno “donati” ai più di cento non vedenti in lista di attesa. Un ringraziamento di cuore deve essere rivolto alla Presidente dell’ “Associazione Amici di Santa Croce”, Piera Bonabello, che ci ha consentito l’utilizzo di tutta la struttura a costo zero. Quando si parla di condivisione e gioco di squadra.

     

(I nostri due impeccabili cerimonieri al lavoro. Uno scatto all’arrivo del Sindaco di Valenza Maurizio Oddone con dall’Assessore Rossella Gatti)

Come avevamo preannunciato, la serata si è aperta con un momento conviviale che, dalle 20.00, ha visto tutti gli ospiti nel primo Chiostro dove è stato allestito un aperitivo con vista sulla cupola del complesso. Un momento di grande serenità, durante il quale le persone hanno avuto modo di conoscersi e instaurare dialoghi che, certamente, potranno svilupparsi in futuro. Tutto permeato dalle gustosissime specialità preparate da Loretta Verzegnassi titolare dell’azienda Langa My Love e dagli eccellenti vini donati dall’Amico Romano Anfossi. Sulla tavola apparecchiata per l’occorrenza hanno trovato posto le ottime robiole fornite dal Consorzio Rob-In e Roccaverano Dop, entrambi unitisi alla cordata di sponsor sposando le finalità benefiche dell’evento. 

Durante l’aperitivo, tutti gli invitati si sono approcciati all’addestratore Andrea e a GIO’, dispensando tante carezze a questa meravigliosa Labrador e altrettante domande ad Andrea. Le più ricorrenti sono state quelle sul percorso di formazione che arriverà poi al momento in cui si potrà assegnare il neolaureato o la neolaureata Cane Guida alla persona prescelta. Bello osservare le espressioni di ogni persona, un mix di ammirazione e stupore. Proprio così. Perché a Limbiate ogni giorno succede qualche cosa di incredibile e meraviglioso.

(Tanti sorrisi per un momento di convivialità e tante relazioni interpersonali) 

Il concerto ha avuto inizio alle 21.00. Tante le aspettative del numeroso pubblico presente nella splendida sala Gorbaciov.

Il programma è stato presentato da Giulio Cirri, ex allievo in Conservatorio del Maestro Vercillo. Programma che ha proposto brani in singolo del M° Giorgio Vercillo alternati con esecuzioni in Duo con il Tenore Silvano Santagata. Esecuzioni che, una dopo l’altra, hanno letteralmente rapito gli spettatori, sfociando in applausi accompagnati  da una sala scattata in piedi per dare un tributo degno dei più blasonati concerti di musica classica. Entusiasmo che si leggeva negli occhi e sui volti del pubblico. Entusiasmo che ha contagiato anche i nostri maestri, portandoli a spingere ancora di più, superandosi in una performance che nessuno potrà scordare.

(Due momenti della presentazione della serata)

L’esecuzione dei brani in programma si è concretizzata in un crescendo che, brano dopo brano, ha letteralmente rapito ogni spettatore, coinvolgendolo in un susseguirsi di emozioni interrotte solo dagli applausi che hanno segnato l’alternarsi delle esecuzioni. La statura musicale di Vercillo e Santagata ha affascinato il pubblico anche per un’altra caratteristica. La semplicità nel porsi al pubblico e a tutti coloro che si sono avvicinati per complimentarsi e per un saluto. generosi nel concedersi a tutte le persone presenti, dedicando loro un saluto e una spiegazione quando richiesta. Grazie Maestri!!


(Alcuni momenti della performance dei Maestri Vercillo e Santagata) 

Al termine del programma, nonostante un caldo da piena estate, la richiesta di un bis, accompagnata da una “standing ovation” è stata prontamente accolta dai maestri che si sono prodotti in due brani che hanno nuovamente ammutolito tutti i presenti. Volare alto si può. Così è successo a chi ha potuto ascoltare due interpreti d’eccezione che, per questa occasione benefica, si sono prodotti per puro spirito di solidarietà.

La serata si è conclusa con l’intervento del Vicepresidente D’Auria e dell’addestratore Andrea che hanno raccontato ai presenti le emozioni che, in quel di Limbiate, vengono vissute ogni mattina dalle 7.30. A partire dalle 130 persone non vedenti che, ogni anno sono in lista di attesa per ricevere un Cane Guida.

Toccante il racconto dei cuccioli che vengono affidati alle famiglie Puppy Walker, cioè quelle a cui vengono consegnati i cuccioli dai due mesi sino all’anno di età per essere cresciuti in ambiente familiare. Questo fa si che il cucciolo cresca circondato da affetto e attenzioni come ogni altro cucciolo che vive in una famiglia, giocando, stando con bambini e dormendo abbracciati a noi umani sul divano quando guardiamo la televisione. Veramente emozionante il momento in cui, la famiglia affidataria deve restituire il cucciolo affinché inizi il percorso di addestramento. Un dato per tutti, le lacrime nel momento della separazione. Consolate solo dalla missione che sarà affidata a quel cucciolo: essere “l’Angelo a quattro zampe” e il compagno di vita di una persona non vedente.

(I racconti di chi, in quel di Limbiate, ogni giorno lavora per soddisfare le tante richieste di ricevere un Cane Guida) 

E’ così che abbiamo calato il sipario sull’edizione 2023 del Concerto per Limbiate. L’ultimo atto sarà quando andremo a Limbiate per portare al Presidente Giovanni Fossati il ricavato della serata. Un importo dovuto alla generosità di tutti i presenti e dei professionisti che ci hanno affiancato nel confezionare l’evento:

i Maestri Vercillo e Santagata, Studio Due srl, Telecity News 24, Il Piccolo, Radioalex, langa My Love, Rob-In e Consorzio di Roccaverano e Romano Anfossi.

________________________________________

A loro il nostro ringraziamento per averci seguito nella realizzazione di questo impegnativo evento finalizzato a contribuire all’addestramento di un Cane Guida. 

E allora, tra gli ultimi fragorosi applausi una promessa….appuntamento all’edizione 2024 del Concerto per Limbiate. 

________________________________________