Autore: Studio Cirri

WORKSHOP IN “PUBLIC SPEAKING”

OGGETTO: scopo di questo corso è fornire le basi indispensabili per parlare in pubblico con sicurezza. Partendo dalla conoscenza di sé stessi, dalla gestione del proprio corpo e dall’apprendimento delle principali tecniche indispensabili per gestire una performance in cui dobbiamo saper dominare ansia e stress da prestazione.

Parlare ad una riunione con dieci o cinquanta persone, in un ufficio o in una sala conferenze. Le problematiche sono le stesse. L’obiettivo, conquistare l’attenzione del pubblico creando coinvolgimento. La nostra performance per generare reputazione e valore personale e professionale.

DURATA: 8 ore complessive suddivise su due giornate.

DATE:

1° modulo –   Venerdì 10 e 17 Febbraio 2023.

2° modulo –   Venerdì 10 e 17 Marzo 2023.

ORARIO: dalle 14.30 alle 18.30.

SEDE: studio Cirri.

PARTECIPANTI: il corso è a numero limitato. Eventuali richieste che non possano essere ricomprese nel 1° modulo verranno automaticamente registrate nel corso che si terrà nel mese di Marzo.

CONTATTI E ADESIONI: per iscriversi e ricevere la scheda di adesione, inviare mail a info@studiocirri.com o contattare i numeri 338-7348952/338-3290789.

 

 Programma

  1. Presentazione docenti e partecipanti.
  2. Lo stile dell’oratore: definiamo il nostro.
  3. Analisi del pubblico e definizione dell’obiettivo.
  4. La struttura del discorso.
  5. Come coinvolgere il pubblico.
  6. La gestione delle emozioni.
  7. Le ancore spaziali.
  8. Conoscenza di sé: la trappola dell’overconfidence.
  9. Valdo Emerson diceva che….
  10. Tono, Volume e Velocità.
  11. Gestiamo con proprietà il nostro corpo.
  12. Il valore della pausa.
  13. Impariamo a gestire non verbale e paraverbale.
  14. Le chiavi per conoscere il pubblico.
  15. Feedback: saper interpretare i messaggi del nostro pubblico.
  16. Obiettivi e scaletta.
  17. Gettare la scimmia: come gestire un momento di panico.
  18. Esercitazione.

Al termine del corso verrà distribuita una dispensa ricomprendente tutto il materiale utilizzato nel modulo.

 

 

 

 

 

WORKSHOP IN “COMUNICAZIONE INTERPERSONALE”

CORSO BREVE IN COMUNICAZIONE INTERPERSONALE

 _________________________

 

OGGETTO: scopo di questo corso è fornire le nozioni fondamentali che consentono di instaurare relazioni interpersonali adeguate al contesto, alle persone e all’oggetto del dialogo instaurato. Empatia, Intelligenza Emotiva e conoscenza delle dinamiche in grado di creare compliance e coinvolgimento ne sono i presupposti chiave.

Capacità di esporre con chiarezza per entrare in sintonia con qualsiasi tipo di interlocutore producendo gli effetti desiderati. Chiave di volta è la capacità di interpretare la personalità della controparte, utilizzando strategie comunicazionali che ci consentono di creare sintonia e vicinanza.

DURATA: 8 ore complessive suddivise su due giornate.

DATE:

1° modulo – Giovedì 9 e Giovedì 16 Febbraio 2023.

2° modulo – Giovedì 9 e  Giovedì 16 Marzo 2023.

ORARIO: dalle 14.30 alle 18.30.

SEDE: studio Cirri.

PARTECIPANTI: il corso è a numero limitato. Eventuali richieste che non possano essere ricomprese nel 1° modulo  verranno automaticamente registrate nel corso che si terrà nel mese di Marzo.

CONTATTI e ADESIONI: per iscriversi e ricevere la scheda di adesione, inviare mail a info@studiocirri.com o contattare i numeri 338-7348952/338-3290789.

 

 

 Programma del corso

  1. Presentazione docenti e partecipanti.
  2. Non si può non comunicare.
  3. I pilastri della comunicazione interpersonale.
  4. Power Skills: le chiavi del nostro successo.
  5. Le tre tipologie della comunicazione umana: il grafico di Alfred Mehrabian.
  6. Le tre tipologie della comunicazione:
  7. Comunicazione verbale
  8. Comunicazione paraverbale
  9. Comunicazione non verbale
  10. Le categorie Multisensoriali.
  11. La Prossemica
  12. La Tecnica del Mirroring
  13. Questione di autovalutazione
  14. Gli stili di comunicazione: aggressivo, assertivo, manipolatorio e passivo.
  15. L’Ascolto Attivo.
  16. Scopriamo il nostro stile.
  17. Esercitazione

Al termine del corso verrà distribuita una dispensa ricomprendente tutto il materiale utilizzato nel modulo.

CORSI DI FORMAZIONE. A FEBBRAIO I PRIMI MODULI IN COMUNICAZIONE INTERPERSONALE E PUBLIC SPEAKING

Anche in questo nuovo anno, Studio Cirri ripropone Corsi di Formazione dedicati alle “Competenze Relazionali” sempre più richieste in ogni contesto aziendale o professionale.  Corsi a numero chiuso tenuti nei nostri studi, per un rapporto interattivo tra partecipanti e docenti.  

Dal 9 febbraio i primi due moduli su Comunicazione Interpersonale e Public Speaking.

_______________________________

 

 

L’inizio di un nuovo anno determina una fase in grado di generare positive sensazioni che si tramutano in nuovi obiettivi e progetti da pianificare e realizzare nei dodici mesi che abbiamo davanti a noi. Progetti che devono, anzitutto, valorizzare la nostra persona e le nostre competenze. Un termine chiaro e inconfondibile per identificare questo percorso è quello di “Empowerment“. Letteralmente “Potenziamento“, in tutte quelle “Competenze trasversali” in grado di renderci sempre capaci di affrontare contesti e situazioni molto differenti tra loro.

Sempre con maggior frequenza il mondo imprenditoriale e professionale focalizza l’attenzione su una tematica fondamentale: le “Competenze relazionali“, altresì definite “Power Skills”. Queste sono le caratteristiche ricercate nei colloqui di selezione. Queste sono le Skills oggi indispensabili per “fare la differenza” tra noi e i nostri competitors. Differenza che si apprezza sin dai primi attimi in cui ci si relaziona con una persona, ancor prima di passare a tematiche legate alle competenze tecniche relative ad una data posizione di lavoro.

Seguendo questa impostazione logica e nell’intento di dare al nostro tessuto imprenditoriale la possibilità di approfondire queste tematiche, abbiamo pianificato un programma di corsi a numero chiuso che verranno tenuti nella sala rossa del nostro studio. Corsi dedicati a imprenditori, professionisti e ad ogni figura appartenente al mondo del lavoro che desideri approfondire le proprie conoscenze in ambito delle materie relazionali.

Citando un recente articolo dedicatoci, potremmo dire che il nostro intento è quello di proporre una “Formazione sartoriale“, definita sulle esigenze dei partecipanti ai corsi. Piccoli gruppi, per consentirci di valutare le necessità formative di ognuno.

Ogni singolo modulo viene proposto anche per singoli candidati che desiderino un contatto one to one con i formatori.

I primi due moduli, che verranno ripetuti anche nel mese di Marzo, sono la base per costruire ogni ulteriore approfondimento su tematiche specialistiche quali le “Strategie di negoziazione“, la “Gestione delle relazioni conflittuali” o la capacità di “Affrontare un colloquio di selezione” e “Gestire il rapporto con la clientela“.

I due moduli proposti, sono “Corsi brevi” della durata di 8 ore, suddivisi in due pomeriggi. Prevedono una parte di autopresentazione dei partecipanti seguita dalla valutazione e spiegazione di quelle competenze fondamentali per comprendere le dinamiche delle relazioni interpersonali applicate al rapporto one to one o a quello che ci vede in veste di public speaker.

________________________________

Corso breve: “Comunicazione Interpersonale”

(L’efficacia di un rapporto one to one sta nella capacità di entrare reciprocamente in sintonia. Nell’immagine, con il Sindaco di Valenza Maurizio Oddone)

 

OGGETTO:

scopo di questo corso è fornire le nozioni fondamentali che consentono di instaurare relazioni interpersonali adeguate al contesto, alle persone e all’oggetto del dialogo instaurato. Empatia, Intelligenza Emotiva e conoscenza delle dinamiche in grado di creare compliance e coinvolgimento ne sono i presupposti chiave.

DURATA: 8 ore complessive suddivise su due giornate.

DATE:

1° modulo – Giovedì 9 e Giovedì 16 Febbraio 2023.

2° modulo – Giovedì 9 e  Giovedì 16 Marzo 2023.

ORARIO: dalle 14.30 alle 19.00

SEDE: studio Cirri.

PARTECIPANTI: il corso è a numero limitato. Eventuali richieste che non possano essere ricomprese nel 1° modulo  verranno automaticamente registrate nel corso che si terrà nel mese di Marzo.

CONTATTI e ISCRIZIONI: la scheda di iscrizione verrà inviata su richiesta scrivendo a info@studiocirri.com; per ulteriori informazioni e dettagli è possibile contattare i numeri 338-73.48.952 o 338-32.90.789 in orari di ufficio.

I termini per iscriversi sono lunedì 6 Febbraio per il primo modulo e lunedì 13 Marzo per il secondo modulo. 

Programma
  1. Presentazione docenti e partecipanti.
  2. Non si può non comunicare.
  3. I pilastri della comunicazione interpersonale.
  4. Power Skills: le chiavi del nostro successo.
  5. Il grafico di Alfred Mehrabian.
  6. Le tre tipologie della comunicazione umana: Comunicazione verbale, Comunicazione paraverbale e Comunicazione non verbale.
  7. Le categorie Multisensoriali.
  8. La Prossemica.
  9. La Tecnica del Mirroring.
  10. Questione di autovalutazione.
  11. Gli stili di comunicazione: aggressivo, assertivo, manipolatorio e passivo.
  12. L’Ascolto Attivo.
  13. Il potere delle domande
  14. Scopriamo il nostro stile.
  15. Esercitazione.

Al termine del corso verrà distribuita una dispensa ricomprendente tutto il materiale utilizzato nel modulo.

 

_________________________________

Corso breve : “Public Speaking”

 

(Il rapporto con il nostro pubblico. Un gioco di competenze, emozioni e strategia)

OGGETTO:

scopo di questo corso è fornire le basi indispensabili per parlare in pubblico con sicurezza. Partendo dalla conoscenza di sé stessi, dalla gestione del proprio corpo e dall’apprendimento delle principali tecniche indispensabili per gestire una performance in cui dobbiamo saper dominare ansia e stress da prestazione. Per creare attenzione, coinvolgimento e interesse.

DURATA: 8 ore complessive suddivise su due giornate.

DATE:

1° modulo –   Venerdì 10 e 17 Febbraio 2023.

2° modulo –   Venerdì 10 e 17 Marzo 2023.

ORARIO: dalle 14.30 alle 19.00.

SEDE: studio Cirri.

PARTECIPANTI: il corso è a numero limitato. Eventuali richieste che non possano essere ricomprese nel 1° modulo verranno automaticamente registrate nel corso che si terrà nel mese di Marzo.

CONTATTI E ADESIONI: la scheda di iscrizione verrà inviata su richiesta scrivendo a info@studiocirri.com; per ulteriori informazioni e dettagli è possibile contattare i numeri 338-73.48.952 o 338-32.90.789 in orari di ufficio.

I termini per iscriversi sono lunedì 6 Febbraio per il primo modulo e lunedì 13 Marzo per il secondo modulo. 

Programma
  1. Presentazione docenti e partecipanti.
  2. Lo stile dell’oratore.
  3. Analisi del pubblico e definizione dell’obiettivo.
  4. La struttura del discorso.
  5. Come coinvolgere il pubblico.
  6. La gestione delle emozioni.
  7. Le ancore spaziali.
  8. Conoscenza di sé: la trappola dell’overconfidence.
  9. Valdo Emerson diceva che….
  10. Tono, Volume e Velocità.
  11. Gestiamo con proprietà il nostro corpo.
  12. Il valore della pausa.
  13. Impariamo a gestire non verbale e paraverbale.
  14. Le chiavi per conoscere il pubblico.
  15. Feedback: saper interpretare i messaggi del nostro pubblico.
  16. Obiettivi e scaletta.
  17. Gettare la scimmia: come gestire un momento di panico
  18. La chiusura del nostro intervento.

 

Al termine del corso verrà distribuita una dispensa ricomprendente tutto il materiale utilizzato nel modulo.

____________________________________________

 

 

 

 

 

BUON 2023!

           

(“Il Piccolo” di martedì 27 dicembre 2022: un grazie a katia Mannarino e Mauro Piccarolo per questa pagina di Auguri dedicata al nostro studio)

Una formula semplice che ci scambiamo ogni anno. Una formula che contiene tutti quegli auspici che contengono le nostre aspirazioni in campo familiare, lavorativo e personale.

L’anno che archiviamo è stato ancora difficile e segnato da eventi traumatici, come lo scoppio del conflitto in Ucraina. Evento drammatico che ha creato una sinergia negativa con la fase post Covid e la crisi economica globale. Parafrasando il famoso  film di George Clooney “La Tempesta Perfetta” potremmo dire che è esattamente quello che abbiamo vissuto. Quello che è certo è che, le generazioni nate dopo il Primo Conflitto Mondiale, non avevano ancora vissuto una Pandemia propostaci solo da alcuni film catastrofici quale la serie americana “The last ship“. Serie in cui il mondo veniva messo a rischio da un misterioso virus in grado di sterminare l’intera umanità.

La somma di questi eventi ha generato grandi difficoltà, in primis a livello socio economico. Mai come oggi tante persone hanno dovuto ricorrere all’aiuto di uno Psicologo, per essere in grado di superare quello che, da soli, non siamo capaci di oltrepassare. Così succede quando la nostra realtà, i nostri progetti familiari e lavorativi vengono messi in discussione. Crisi che ha colpito la nostra veste di genitori, capi famiglia e professionisti. Difficoltà su difficoltà, imprevisti su imprevisti.

Una domanda: in questa tempesta che ha colpito ogni settore della nostra vita, quali sono stati gli effetti sulla nostra capacità di comunicare?….siamo stati più capaci di gestire rapporti con Comprensione ed Empatia o ci siamo irrigiditi lasciandoci trasportare dalle nostre tante difficoltà?

 

1. Per dare una risposta a queste domanda, archiviando un anno che ha certamente messo a rischio molte attività imprenditoriali e professionali, irrigidendo molti rapporti interpersonali, dobbiamo guardare al Nuovo Anno con alcune capacità che ci consentano di superare queste difficoltà. Alcuni spunti di riflessione potrebbero focalizzarsi su queste tematiche:

2. Anzitutto quella di saper individuare degli “Obiettivi” per questo nuovo anno. Obiettivi che possono anche necessitare più anni per essere realizzati. Ecco, allora, che la nostra capacità di progettare diventa una alleata di grande importanza. Quella capacità di guardare al futuro oltrepassando le difficoltà contingenti  sapendo intravvedere un percorso che ci consenta di concretizzare un progetto, familiare o professionale. Ecco il vero motore che ci spinge ad andare oltre, credendo fermamente nella realizzazione di un’idea, di un progetto. L’uomo vive anche di progettualità e a volte anche di sogni…da realizzare.

3. Una skill oggi molto attuale è la “Resilienza“, cioè la capacità di resistere alle avversità della vita sapendo superarle intravvedendo nuovi percorsi o, più semplicemente, un cambio di rotta rispetto a quanto fatto sin ora. Non è sempre facile ma, senza dubbio, la nostra disposizione mentale a voler “buttare il cuore oltre l’ostacolo” è una prerogativa in grado di sostenerci e farci vedere nuove possibilità. La tradizione giapponese recita che “…se un arbusto è in grado di flettersi al vento sarà anche capace di raddrizzarsi quando la bufera sarà passata“. Tanti gli insegnamenti e le esperienze che ci derivano dall’aver saputo superare momenti difficili, proprio così!

4. “Saper credere in noi stessi”. Ecco un aspetto fondamentale che ci consente di mettere a profitto tutte le nostre capacità. Essere motivati, sapendo comunicare a noi stessi che possiamo superare le difficoltà con costanza, impegno e autodeterminazione. Nulla come lo sconforto e il non credere di essere all’altezza ci crea quello stato di paralisi in grado di annebbiarci e renderci inattivi, anche laddove avremmo tutte le capacità per risolvere un problema e andare oltre. Non “overconfidence“, ma una sana “Confidence” nelle nostre capacità e in quello che siamo in grado di realizzare. Noi valiamo…non dimentichiamolo mai!

5. Ora tocca alla “Comunicazione“, a 360°. Partendo da ogni rapporto interpersonale sino ad arrivare al contesto lavorativo più impegnativo. Come dobbiamo comunicare a noi stessi un concetto di positività, dobbiamo saperlo esportare nelle nostre relazioni con “Empatia” e quella “Gentilezza” in grado di predisporre ogni relazione ai migliori presupposti. Sapendo “Ascoltare” la persona che abbiamo davanti a noi, comprendendola e dando energia se necessario. Ecco il miglior modo di comunicare fiducia e voglia di reagire. Ecco la via maestra che ci può regalare un sorriso o una mano sulla spalla. E’ tramite questa via che riusciremo a “Motivare” i nostri collaboratori, mettendoli in grado di esprimere il meglio sé, sentendosi considerati e apprezzati. E’ così che possiamo rivitalizzare questo anno ormai alle porte, affidandoci ai “Rapporti Umani” come cuore pulsante di ogni relazione personale e professionale. L’uomo e la sua capacità di comunicazione. Ecco il vero segreto per superare questo momento.

 

____________________________________________

 

 Il Nuovo Anno che ci attende avrà certamente delle criticità. A noi affrontarle con la voglia di andare oltre sapendo vedere il cielo azzurro all’orizzonte.

Ai nostri Collaboratori, Clienti e Partner, il nostro Augurio di un 2023 in grado di farci sempre sentire quell’impulso che fa delle nostre vite un’esperienza unica e irripetibile dove il “Capitale Umano” sarà sempre il centro di ogni positiva attività.

AUGURI!

 

 

 

 

 

COS INFORMA

COS ALESSANDRIA (Contesto Organizzativo Sinergico), una stimolante struttura che ricomprende imprenditori e professionisti della città di Alessandria, uniti da una volontà comune. Espandere le proprie relazioni basandosi su di un maturo Marketing Referenziale, le cui fondamenta sono Amicizia, Professionalità,  Stima e volontà di Condivisione. A supporto di ogni professionista, un ciclo di interviste dedicate a raccontare la propria professione e i servizi offerti.

Questa settimana abbiamo affrontato le tematiche relative alla Comunicazione.

_______________________________________

 

 

Giovedì 15 Dicembre 2022, alle 18.30 in diretta sul canale Facebook di COS, con  Ilaria IPPOLITO, Psicologa, e Riccardo CIGNI, imprenditore e ideatore del  CONTESTO ORGANIZZATIVO SINERGICO (COS), abbiamo focalizzato la nostra discussione sull’importanza di una corretta Comunicazione d’Impresa e sulla centralità di una  Formazione continua di tutte le figure aziendali e professionali.

Anzitutto, la volontà di sottolineare la piacevolezza di questo format basato su di una condivisione di esperienze professionali a 360°. Ecco il primo vero valore aggiunto di questo ciclo di interviste. Presentare i singoli componenti di una “Classe COS“, definendone la personalità, i titoli conseguiti, le esperienze e la declinazione della attività professionale esercitata. Un caleidoscopio di esperienze con una base comune, la volontà di collaborare dando un contributo fattivo al tessuto imprenditoriale del proprio territorio.

A questa intervista abbiamo dato un titolo che, per il nostro studio, è divenuto un calzante claim riportato nel recente articolo apparso sul Magazine Economia della provincia di Alessandria: ” La Comunicazione Sartoriale al servizio delle aziende“. Da qui siamo partiti per delineare l’importanza di una attività di comunicazione gestita con canoni professionali ma, al tempo stesso, accessibile ad ogni tipologia di attività aziendale o professionale. Ecco il vero “cuore” della definizione proposta. Far comprendere come una consulenza in comunicazione possa essere utilizzabile da tutti, prescindendo da dimensioni aziendali e capacità di investimento. Un primo messaggio chiaro e rivolto ad ogni figura professionale e imprenditoriale. Dal piccolo esercizio, all’attività di vicinato, così come ad uno studio professionale o azienda di medie o grandi dimensioni, vi è una “strategia di comunicazione” che viene definita sugli obiettivi, i pubblici a cui ci si rivolge e i ritorni che ci si attende. Potremmo parafrasare “Ogni attività ha diritto alla sua comunicazione“, nessuno escluso. Comunicazione che deve rispettare canoni estremamente precisi, al di là del quale è certamente meglio desistere. Proprio così, prima di comunicare messaggi approssimati, improvvisati e fuorvianti è certamente meglio “non comunicare“. In gioco vi sono la nostra “reputazione” e  la “credibilità professionale“, non dimentichiamolo.

Nel corso di questa piacevole e interattiva intervista, abbiamo ricordato il “valore della professionalità” che, in ogni declinazione, deve essere il riferimento certo che guida un possibile cliente nell’affidarsi ad un professionista. Ecco, allora, una definizione di professionista ormai incisa nella pietra: “Un professionista è colui che ha titoli accademici, un bagaglio esperienziale ed è iscritto ad un ordine o a una associazione professionale“. Semplice vero?

 

 

Dopo aver valutato l’importanza di una corretta comunicazione per le attività di ognuno di noi, la discussione si è concentrata sulla nostra attività di Formazione. Ambito del nostro lavoro che riesce a coinvolgerci sempre di più in risposta alle tante esigenze formative che ci vengono richieste. La nostra lunga esperienza ci consente di partire da un punto per noi centrale, l’Ascolto. Solo ascoltando le richieste formative di un professionista o di un intero team aziendale, ci è possibile comprendere quale sia l’approccio migliore per strutturare un corso dotato dell’impatto necessario a colmare o completare le lacune. “La persona al centro“, non uno slogan pubblicitario ma un fermo convincimento che ispira la nostra attività di formatori.

Partendo da questo presupposto ci siamo soffermati sull’importanza di quel bagaglio formativo che oggi è rappresentato dalle “Power Skills“. La cui base è rappresentata dalla conoscenza delle dinamiche di una matura “Comunicazione Interpersonale“, punto di partenza per costruire le competenze di Public Speaking, Gestione di Relazioni Conflittuali, Strategie per gestire un Negoziato o le dinamiche relazionali con la clientela. Sotto la cupola delle Power Skills si ritrovano tutte quelle “Abilità Relazionali” oggi sempre più ricercate nel mondo del lavoro e così spesso difficili da ritrovare nella stessa persona. Abilità relazionali sempre più necessarie per integrare le competenze tecniche. A titolo di esempio abbiamo citato le difficoltà spesso riscontrate quando, ad un colloquio di selezione o di presentazione, non si è in grado di auto-presentarsi in modo efficace e convincente. Difficoltà che derivano da timidezza, scarsa conoscenza delle dinamiche di una conversazione one to one one o, all’opposto, da una pericolosa “overconfidence” che rischia di rappresentarci come persone altezzose o non consce dei propri limiti.

Insomma, Comunicazione e Formazione, le due chiavi per creare valore e vantaggio competitivo per la nostra attività professionale e per la nostra persona.

__________________________________________

Un ringraziamento a Riccardo Cigni e a Antonella Ippolito per la disponibilità e l’intelligenza con cui hanno gestito questo interessante sipario professionale.

 

 

MAGAZINE ECONOMIA 2022

L’edizione 2022 del “Magazine Economia” edito da “Il Piccolo di Alessandria” ha raggiunto un nuovo traguardo. Quello di essere divenuto un punto di riferimento per tutto il tessuto imprenditoriale della provincia alessandrina. Una nitida immagine che raffigura un tessuto socio economico estremamente articolato, contraddistinto dalla presenza di aziende appartenenti  a settori estremamente diversificati. Una istantanea che da un volto alle tante imprese che rappresentano l’operosità e il patrimonio di questa area di territorio piemontese.

Un particolare ringraziamento a Katia Mannarino e Mauro Piccarolo per la matura collaborazione professionale che ci lega consentendoci di realizzare progetti condivisi e in grado di creare valore per il tessuto imprenditoriale del nostro territorio.  

Anche per questa nuova edizione 2022, siamo onorati dello spazio che ci è stato dedicato. Tre pagine che descrivono la nostra storia e fotografano le consulenze che Studio Cirri propone alla propria clientela valorizzando una lunga storia professionale oggi giunta alla terza generazione.

__________________________________

 

Il primo ringraziamento va all’Amico giornalista Marco Bertoncini che, nel suo brillante articolo, ha saputo cogliere tutti gli aspetti peculiari della nostra realtà professionale. Partendo dagli anni ’50, anni in cui il dott. Giulio Cirri, dirigente d’azienda, era referente di progetti industriali internazionali. Il ricordo dell’onorificenza ricevuta dallo Scià di Persia al termine dell’Industrial Fair svoltasi a Teheran nel 1957, è uno degli aspetti peculiari che definisce l’importanza di una gestione manageriale delle relazioni industriali e istituzionali ad ogni livello. Nell’intervista che ci ha visti seduti uno accanto all’altro per raccontare questa lunga storia, Bertoncini ha saputo estrapolare la logica che ha ispirato un passaggio generazionale durato molti anni. Anni in cui ho potuto godere del mentore più appassionato ed esperto che la vita possa concederci, il proprio Padre.

Storia che si ripete ancora oggi con l’ingresso in studio di Giulio Cirri , studente universitario e tirocinante appassionato e motivato. Un lungo percorso che si ripropone per creare quel bagaglio esperienziale che si capitalizzerà negli anni andando a integrare i percorsi accademici conseguiti. La presenza di Claudia Salciccia Cirri come professionista delle relazioni d’azienda, specializzata in Comunicazione e Relazioni Pubbliche,  completa la componente familiare che anima Studio Cirri. Ecco, allora, definito quel concetto di “verticalità“, inteso come la capacità di offrire consulenze interamente gestite dal nostro studio, avvalendosi di partnership esterne che collaborano stabilmente da molti anni alla realizzazione dei nostri progetti.

 

(…una storia che si ripete. Un tributo a chi ci ha preceduto trasferendoci competenza e passione )

Cogliendo il motivo ispiratore della nostra attività professionale, Bertoncini ha ricavato un titolo che è traducibile in un calzante “claim“:Studio Cirri, Il sarto della comunicazione”. Ecco la grande abilità di un giornalista esperto e attento a cogliere l’essenza della realtà. Realtà che si traduce nella determinazione ad offrire le nostre competenze ad ogni realtà professionale, prescindendo dalle dimensioni e dall’investimento da destinare alla comunicazione o alla formazione. Proprio come un sarto fa quando si appresta ad iniziare il confezionamento di un abito fatto su misura, esattamente rispondente alle caratteristiche di chi lo dovrà portare. Ecco il vero concetto di “Comunicazione sartoriale“, in grado di studiare e realizzare un “piano di comunicazione” o una “attività di formazione” rispondenti alle reali esigenze e alla capacità di investimento destinate a quelle attività.

 

(L’intervista di Marco Bertoncini che ripercorre la nostra lunga storia professionale)

Il secondo articolo che ci è stato dedicato si concentra sulle consulenze che il nostro studio offre alle imprese del nostro territorio o appartenenti all’intero territorio nazionale. Partendo anzitutto dalla “Consulenza in attività di comunicazione“, volta a creare valore tramite il coinvolgimento dei pubblici di riferimento in grado di far crescere il business e la reputazione di quella realtà aziendale. La nostra maggior soddisfazione ci viene data dai nostri clienti quando ci riferiscono il ritorno ricevuto in seguito ad una attività di comunicazione che, molto spesso, gratifica impegno e sacrifici ascrivibili anche ad una lunga storia familiare. Ecco il vero senso di una comunicazione identificabile come un investimento di primaria importanza. Raccontare la propria storia creando coinvolgimento, interesse e fidelizzazione di una clientela già acquisita o di nuova acquisizione.

L’attività di formazione viene descritta come una capitalizzazione delle proprie capacità relazionali. Attività volta ad accrescere il bagaglio di conoscenze di ogni professionista, potenziando o creando quelle “Power Skills” oggi così importanti e sempre più richieste in ogni contesto professionale. La nostra esperienza ci consente di ascoltare le richieste formative che ci vengono rivolte e, partendo da quell’ascolto, di tradurle in un “percorso formativo” studiato e calibrato sulle reali necessità che possono generare un “empowerment” delle proprie capacità relazionali.

 

(La pagina del Magazine dedicata a descrivere le nostre competenze e le consulenze offerte)

 

In queste pagine a noi dedicate, ringraziamo i redattori che hanno saputo far emergere un aspetto per noi centrale. La nostra passione e la determinazione nel voler essere un punto di riferimento per tutte quelle attività imprenditoriali che vedono nella comunicazione e nella formazione due cardini per poter creare valore e crescita futura.

 

CONCERTO PER LIMBIATE

Anche per l’anno 2023, Studio Cirri organizza un concerto di musica classica il cui ricavato sarà devoluto al Centro Addestramento cani Guida di Limbiate. poter contribuire alla formazione di una Cane Guida. Poter ridare libertà e compagnia ad una persona non vedente. Tutto quì. 

___________________________________

 

E’ in una giornata di un freddo dicembre che volge a chiudere questo complicato 2022, che abbiamo ospitato nel nostro studio due Amici ma, soprattutto, due “Etoile” del panorama concertistico internazionale che il mondo ci invidia, Silvano SANTAGATA (Tenore) e Giorgio VERCILLO (Pianista).  Anzitutto due Amici. Nel senso più ampio del termine, cioè quello che fonda un datato rapporto su condivisione, stima e un profondo rispetto. Ma è proprio il concetto di “condivisione” che è in grado di farci sedere attorno ad un tavolo per ideare un nuovo progetto, uno di quelli che partendo dalla nostra provincia deve arrivare molto lontano.

L’ultima edizione del “Concerto per Limbiate” organizzato dal nostro studio in collaborazione con il M° Vercillo si è tenuta nel gennaio del 2019 nella Sala Ferrero del teatro di Alessandria. Tante le persone che vi hanno assistito, potendo vedere da vicino un Cane Guida accompagnato dal suo fedele istruttore. Tante le emozioni che ha suscitato il racconto di come vengano allevati ed addestrati quelle meravigliose creature per poi essere “donate” ai più di 100 non vedenti in lista di attesa.

 

(…da grande farò il “Cane Guida”.)

Abbiamo più volte utilizzato il termine di “Angeli a quattro zampe“. Immaginiamoci una persona che grazie al suo cane riacquista indipendenza, sicurezza e una compagnia che, 24 ore al giorno, è al suo fianco. Oltre ad avere una guida sicura che consente di poter riappropriarsi di una vita definibile normale è il concetto di “compagno” che diviene il riempitivo di una vita così terribilmente privata del senso che ci consente di apprezzare questo incredibile mondo in cui viviamo.

Ecco i presupposti che ci hanno nuovamente messo all’opera. Che ci hanno dato l’ennesima scossa che già ci vede proiettati su di un palco in compagnia di tante persone per condividere una nobile finalità. Nell’edizione 2023 annoveriamo la disponibilità del M° Santagata. Tenore dalle straordinarie doti in grado di incantare letteralmente le platee più selezionate di tutto il mondo. Il “Duo Santagata – Vercillo” è quanto di più raffinato si possa ascoltare quando si pensi a brani di Tchaikovsky, Tosti, Chopin, Lopez, Liszt, Reger, Wolf, Debussy e Adam che verranno eseguiti. Ecco che, un evento così strutturato e di questa portata artistica, si preannuncia in grado di far vivere emozioni forti. Legate alla caratura degli interpreti unitamente alla finalità benefica.

 

(Il tenore Silvano SANTAGATA e il pianista Giorgio VERCILLO durante una recente esibizione.) 

Come ormai di consueto, la presenza di una Cane Guida con il Suo addestratore, accompagnati dal Presidente del Centro di Limbiate, Giovanni Fossati, consentirà a tutti i presenti di poter ascoltare, toccando con mano,  quello che nel Centro di Limbiate si realizza ogni giorno dell’anno. Per arrivare all’ottenimento di un Cane Guida formato e in grado di essere donato a chi, in quel Cane Guida,  vede un nuovo futuro in grado di dare indipendenza e tanta speranza.

 

(Un’immagine di repertorio dell’edizione 2019 del concerto “Due Occhi per chi non Vede” con il Vice Presidente D’AURIA e l’addestratore con il suo fedele Cane Guida quasi pronto per essere donato)

 

Contestualmente alla presenza del Presidente Fossati sarà possibile comprende come poter divenire una “Famiglia Puppy Walker” in grado di ospitare il cucciolo sino all’età in cui diventerà idoneo per l’addestramento. Se di emozioni forti vogliamo parlare, questa nuova edizione si preannuncia come tale. Con una carezza a quegli Angeli a quattro zampe in grado di accompagnare per l’intera vita il compagno umano per percorrere insieme una lunga ed indescrivibile strada. Quella di una simbiosi perfetta.

 

 

GIORNATA DEL BANCO ALIMENTARE

Anche quest’anno i Lions Club di Alessandria si sono uniti per mettersi al servizio della collettività e, soprattutto, dei più deboli e bisognosi.

________________________________________

 

La giornata della raccolta alimentare è un momento di grande importanza. Momento in cui tutti i club Lions di Alessandria uniscono le forze per poter presidiare tutto il giorno i supermercati prescelti. Momento in cui la massima “We Serve” viene una volta di più scaricata a terra.

Come tutti gli anni l’inizio di questa impegnativa operazione si è concretizzato nell’organizzazione dei turni di lavoro. Turni durante i quali i soci Lions che hanno dato la loro disponibilità si avvicendano per gestire tutte le “sporte” che vengono lasciate ai banchi predisposti. Ecco il primo punto da sottolineare. La disponibilità dei soci Lions, professionisti che dedicano il loro tempo libero per contribuire ad una causa importante.

Formata la squadra ci si ritrova sul campo. Pensate ad un sabato in una Esselunga. Centinaia e centinaia di persone che, ad ogni ora, entrano e escono per fare la spesa del fine settimana. Una moltitudine di persone indaffarate nelle spese di un sabato qualunque. Moltitudine in grado di sposare una causa che tocca tutti da vicino. E’ così che è iniziato il lavoro della prima squadra che, dalle 8.00 ha preparato la postazione e iniziato a raccogliere le prime sporte.

Sin da subito l’adesione delle persone è stata pronta e consapevole. Stringe il cuore aver visto persone molto semplici, con una loro borsa della spesa con pochi generi di prima necessità, averci lasciato una borsa con due prodotti, pasta, biscotti o salsa di pomodoro. Quello che potevano offrire lo hanno dato, con un pò di imbarazzo ma con tanto cuore.

 

 

Con il passare delle ore la mattinata ha visto un afflusso di persone sempre maggiore. A questo afflusso si è affiancato un paritario incremento di sporte lasciate alla nostra postazione. Il lavoro è diventato frenetico e le equipe formate  da una decina di soci Lions più alcuni volontari hanno faticato a mantenere il ritmo. Procedura basata sul ritiro della sporta, attribuzione del contenuto a differenti categorie merceologiche (…pasta, olio, biscotti, alimenti per bambini etc…), inscatolamento di prodotti della stessa natura, chiusura delle scatole, fase di pesatura e  registrazione con etichettatura. Ultima fase l’impilamento degli scatoloni in attesa di essere portati verso un centro di raccolta da dove verranno poi spediti in centri di raccolta più grandi.

Una lavoro frenetico che si è susseguito per l’intera giornata. Accompagnato da una logica che ha consentito a tutto lo staff di non sentire la stanchezza delle tante ore in piedi senza la possibilità di staccare un attimo. Tutto è stato bypassato da una grande determinazione, da una profonda volontà di poter portare un aiuto a chi lo attende come il bene più prezioso.

A fine giornata si sono tirate le somme di quelle centinaia di scatoloni che abbiamo consegnato. Ebbene, ne siamo rimasti stupiti. Ben 3.800 chili di generi alimentari. Tremilaottocento chili di solidarietà donati in un sabato di novembre.

Questo è accaduto nella nostra Alessandria. Esiste ancora tra noi un gran sentimento di solidarietà, basta saperlo suscitare!

E allora, 3800 volte “GRAZIE”  a tutti coloro che si sono accodati al nostro banco per lasciare una sporta carica di solidarietà.

_____________________________________

Lions Alessandria HostLions Bosco MarengoLions Alessandria Marengo

Lions Emergency Rescue Lions Alessandria La Cittadella Leo Club Alessandria

 

 

 

 

TELECITY: INSIDE NEWS 24

Continua la nostra partnership con l’emittente televisiva Telecity. Un format che ha suscitato interesse nell’ambito del tessuto imprenditoriale della nostra provincia. Uno sprone per continuare questa collaborazione finalizzata a divulgare cultura di impresa.

___________________________________

 

(Giulio Cirri con la giornalista Beatrice Augustaro e l’operatore Giuseppe Lo Forte. Amici e qualificati partner del nostro studio)

 

Anche in questa nuova occasione, i presupposti della nostra collaborazione con la nota emittente televisiva sono stati gli stessi. Portare al nostro tessuto imprenditoriale e professionale una serie di interventi concernenti la Comunicazione di Impresa.

Non vi è dubbio che il format Inside News 24 sia il veicolo più adatto per divulgare contenuti di cultura manageriale. Sin dall’ideazione di questa collaborazione, la volontà congiunta è stata quella di fornire degli spunti facenti parte di un ampio bagaglio oggi indispensabile per figure professionali preparate sotto il profilo relazionale.

Seguendo questa filosofia, in queste puntate abbiamo focalizzato l’attenzione su quattro differenti tematiche:

  1. La Comunicazione Sartoriale.
  2. Le Competenze Trasversali.
  3. Dalle Soft alle Power Skills.
  4. Il potere delle storie: lo Storytelling di impresa.

Tematiche molto attuali, sulle quali ci si concentra per focalizzare l’attenzione da parte delle imprese e dei professionisti su quanto siano in realtà “strategiche” per la propria attività. Strategiche per il fatto di creare quel coinvolgimento dei nostri pubblici di riferimento e, al tempo stesso, metterci in condizione di essere preparati ad interagire con ambienti e situazioni lavorative differenti.

La terminologia di “Comunicazione sartoriale” è stata da noi coniata per indicare che, una attività di comunicazione professionale è modellata sulle richieste che ci vengono fatte durante i primi colloqui. Non esiste un modello di comunicazione applicabile a tutte le realtà, valido nei diversi contesti. Viceversa viene studiato un “piano di comunicazione”  che rispecchi le richieste e le caratteristiche di quella precisa attività da comunicare. Parametrando l’attività alle reali esigenze, alle dimensioni e alla capacità di investimento da dedicare a quella specifica operazione di comunicazione. Senza preclusioni di alcun genere. Ecco la vera essenza della nostra consulenza. Dare ad ogni contesto la possibilità di raccontarsi, di divulgare il proprio messaggio raggiungendo quei pubblici che ne possono determinare il successo.

 

(L’importanza di una visione familiare dell’attività professionale tramandata da più generazioni) 

 

Le tematiche legate alle “Competenze Trasversali” sono oggi di centrale importanza per ogni tipologia di attività professionale. Giulio Cirri, studente al 2° anno della Facoltà di Psicologia e tirocinante presso lo studio di famiglia, nel suo intervento ha esaminato l’importanza di queste Skills per i giovani laureandi o neolaureati. Tralasciando gli aspetti legati alle competenze tecniche richieste da una data posizione lavorativa (..se dobbiamo riparare biciclette la capacità tecnica è sapere come si cambia una catena...), le evidenze di molteplici ricerche di mercato evidenziano la continua ricerca di giovani formati in questi ambiti di competenze. Ecco, allora, l’importanza di proporre corsi di formazione che amplino le conoscenze di chi dovrà presto cimentarsi in un colloquio di selezione dove si valuteranno con grande positività le competenze relazionali. Non solo competenze tecniche, ma un corposo bagaglio di conoscenza che ci consenta di essere dei buoni componenti di un team, empatici ed assertivi, capaci ad affrontare momenti di stress e dotati di abilità nella risoluzione dei problemi. Anche in un’epoca in cui la robotica diviene sempre più importante, le “Competenze umane” rimarranno un patrimonio ineguagliabile e sempre più ricercato.

Al pari del bagaglio formativo richiesto ai giovani, ogni figura integrata in azienda, così come ogni professionista, dovrebbe porre l’attenzione su quel bagaglio formativo oggi indicato come “Power Skills“. Evoluzione naturale di quelle strategiche Soft Skills, le P.S. sono quelle competenze in grado di fare la differenza, attribuendo molte doti a chi le conosce e sa applicarle nella pratica quotidiana. Sempre più spesso, nei corsi di formazione che teniamo in svariati contesti professionali, ci viene richiesto di focalizzarci su tematiche legate alla gestione di una competente Comunicazione Interpersonale, di gestione di situazioni conflittuali, su come essere leader coinvolgenti e motivanti, di come poter affrontare un negoziato essendo capaci di utilizzare quel “No Positivo” in grado di salvaguardare una relazione. Ecco che, sempre, più, le nostre “abilità relazionali” diventano una componente che ci rende estremamente competitivi ed integrabili in ogni realtà professionale.

In chiusura degli interventi, abbiamo posto l’attenzione sull’importanza di saper raccontare le nostre attività professionali. Sempre più sovente sentiamo ripetere che, oggi più che mai, “consumiamo storie“.  Storie che devono essere raccontate in chiave emozionale, coinvolgendo i pubblici di riferimento tramite la narrazione di attività che, molto spesso, hanno alle spalle tante sfide, alcune vinte ed altre perdute. Durante i colloqui che dedichiamo all’ascolto di quelle che sono le storie di una realtà professionale che ci viene presentata, molto spesso ci rendiamo conto di quanto, quella storia, non sia percepita come un potente veicolo di comunicazione. Come non raccontare, ad esempio, la storia di una azienda produttrice di vini che, dai primi timidi e difficili passi negli anni ’60, è divenuta oggi un punto di riferimento nazionale e internazionale, anche tramite la ristrutturazione di una vecchia cascina oggi dedicata ad ospitare clienti che vivranno l’emozione di pernottare tra i filari di viti immersi nei coinvolgenti panorami delle colline piemontesi. Esperienza immersiva in grado di essere ricordata e, sempre più, di coinvolgere la clientela nel nostro mondo.

 

Ecco, allora, che la nostra definizione di Comunicazione Sartoriale assume una duplice veste. Nell’ambito della Comunicazione di Impresa così come in quello della Formazione. Entrambe declinate e adattate alle esigenze e agli scenari che ci vengono delineati. In questo crediamo. A queste attività continuiamo a dedicare la nostra esperienza. Con la passione di chi ama la propria professione e vuole con caparbietà vedere crescere le competenze di chi a noi si affida.

 

 

IIS CELLINI: PROGETTO “DEBATE”

Anche quest’anno ci è stato rivolto l’invito a tenere alcuni incontri con docenti e studenti in apertura del Progetto Ministeriale Debate. Onorati e stimolati dal poter contribuire con le nostre esperienze professionali  alla formazione degli allievi del plesso del’IIS Benvenuto Cellini di Valenza. 

______________________________

 

(Una attenta platea di studenti per un pomeriggio dinamico e immersivo)

Una lunga tradizione ci lega al Polo di Istruzione Superiore Benvenuto Cellini di Valenza, oggi diretto dall’ Ing. Alberto Raffo. Una tradizione che si è nel tempo tramutata in una stretta collaborazione fondata su di un consolidato rapporto di stima.

Anche nell’anno scolastico 2022/2023 il responsabile del corso Debate, Prof. Mario Degiovanni, docente di Filosofia, ci ha contattato chiedendoci se eravamo disposti a tenere qualche intervento agli studenti e ai docenti che si stanno apprestando ad iniziare questo percorso. Una attività che, ormai da anni, l’istituto Cellini porta avanti con successo, distinguendosi nel campionato nazionale che viene disputato tra le formazioni di studenti appartenenti a poli di istruzione di tutta Italia.

Il format prevede che i ragazzi vengano formati per essere in grado di sostenere un dibattito tra due squadre che sostengono tesi differenti circa una data tematica. Attività che presuppone una abile gestione della Comunicazione Interpersonale nonché la conoscenza delle dinamiche relazionali inerenti il perorare una causa con argomentazioni convincenti. Di più. L’impegnativo dibattito nel quale dovranno cimentarsi e per il quale verranno formati, deve comprendere anche la conoscenza su come formulare le domande e, soprattutto, come rispondere ad un critica avanzata dalla formazione opposta. Senza scomporsi e senza distaccarsi da un approccio fondato su gentilezza e il rispetto dell’avversario.

Come già fatto negli anni scolastici passati, ci siamo candidati ad essere presenti ogni qual volta il nostro contributo di professionisti possa servire a stimolare riflessioni dettagliando ulteriormente i vari capitoli interessati. E così è stato. Un sicuro momento di crescita anche per noi.

 

(Un nuovo relatore per questo ciclo di incontri: Giulio Cirri, studente universitario al II° anno della Facoltà di Psicologia ed ex allievo del Liceo Alberti) 

 

Nel pomeriggio di venerdì 11 novembre abbiamo con piacere tenuto il nostro intervento in apertura del corso. Quale occasione migliore per focalizzare l’attenzione sui fondamenti della comunicazione, partendo dalle dinamiche sulla conoscenza delle tre componenti della Comunicazione Umana: Verbale, Paraverbale e Non Verbale. Numerosi gli accenni a tematiche intimamente legate al saper condurre un dibattito in modo efficace. Alludiamo a quelle Soft Skills che debbono essere patrimonio di ogni studente che, nel corso degli anni, deve acquisire per rendersi capace di interagire con situazioni e persone molto differenti tra loro. A partire dal loro utilizzo e dalla loro sperimentazione durante il progetto Debate, palestra per metabolizzare competenze che serviranno sia nel mondo del lavoro che in quello universitario.

Tre ore di confronto al termine delle quali abbiamo ricevuto un positivo Feedback concretizzatosi in molte domande. Domande che hanno aperto un interessante e vivace dibattito tra docenti, studenti e relatori. I tanti esempi proposti si sono concretizzati in altrettante considerazioni su come affrontare al meglio le differenti situazioni in cui è possibile trovarsi nel corso di un dibattito. A partire dalla necessità di mettere in pratica quelle Regole di Cooperazione Conversazionale che contraddistinguono un dibattito corretto e rispettoso dell’avversario.

In questo ciclo di interventi abbiamo introdotto un secondo relatore: Giulio Cirri. Ex allievo del Liceo Leon Battista Alberti e del Professor Degiovanni, studente del Corso di Laurea in Psicologia,  Giulio ha instaurato un dialogo con i giovani colleghi portando la sua esperienza nel mondo universitario e in quello di giovane praticante dello Studio Cirri. Un giovane tra i giovani, per un feeling instauratosi sin da subito. Una dinamica relazionale che ci ha dato l’opportunità di riflettere su come i giovani possano relazionarsi in modo diretto e maturo. Facendo considerazioni estremamente pertinenti e domande che hanno generato un dibattito estremamente vivace.

____________________________________

Il nostro ringraziamento al Prof. Degiovanni e alla Prof.ssa Molina per  questa opportunità di continuare ad esercitare una delle nostre declinazioni di Responsabilità Sociale in cui crediamo fermamente: la formazione dei giovani.